Alla scoperta di CampusWorld

Alla scoperta di CampusWorld

L’Università Politecnica delle Marche ha realizzato il progetto CampusWorld. In collaborazione con la Camera di Commercio di Ancora e la partecipazion

Ultimo giorno di scuola?! Ecco come festeggiano i ragazzi!
Web Marketing Festival, ecco l’offerta per studenti
C’è un problema: ci sono troppe insegnanti e troppi pochi insegnanti

L’Università Politecnica delle Marche ha realizzato il progetto CampusWorld. In collaborazione con la Camera di Commercio di Ancora e la partecipazione di Ubi Banca.

CampusWolrd, cosa sarebbe? È un progetto non nuovissimo, nato nel 2005 dalla partnership sopra elencata. Obbiettivo: sostenere e diffondere l’innovazione tecnologica e formativa.
Dedicato a studenti, ma anche laureandi e neolaureati del Politecnico Marchigiano e degli altri Dipartimenti, da la possibilità di svolgere un tirocinio formativo e di orientamento presso i partner dell’iniziativa in tutto il mondo. Quest anno il numero dei Paesi coinvolti è arrivato a 53, offrendo esperienze formative dai 2 ai 6 mesi.

Solitamente i partecipanti provengono maggiormente da Economia, Ingegneria e Scienze, ma i risultati finali sono molto positivi. L’85% di chi ne ha fatto parte ed è stato intervistato afferma di essere ora occupato, per il 72% in Italia. Di questi addirittura l’88% ha trovato lavoro in 6 mesi.
Un progetto quindi che si affianca alle altre esperienze internazionali come Erasmus e Scambi Bilaterali, ma che mette al centro dell’interesse un percorso di formazione sul campo lavorativo.

Sauro Longhi, Rettore Università Politecnica delle Marche, ha così commentato l’iniziativa: “CampusWorld è un progetto pensato per le nostre studentesse e i nostri studenti ed offre una esperienza internazionale di valore utilissima per trovare un lavoro adeguato al titolo di studio acquisito. Negli ultimi anni abbiamo voluto aumentare queste opportunità aggiungendo ulteriori borse con il progetto Erasmus+ Traineeship, perché una esperienza lavorativa all’estero è molto utile per rafforzare le competenza e la maturità delle nostre studentesse e dei nostri studenti. Abbiamo bisogno di tanti giovani capaci di comprendere il presente dei proprio territori legandolo agli sviluppi internazionali. Anche per questo stiamo potenziando i corsi in lingua inglese per attirare altri studenti esteri e potenziare la visione internazionale della nostra università”.

Tanti partecipanti, alta la richiesta, per un’iniziativa che potrebbe essere presa a modello da altre università.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0