Tempo di lettura: 1 Minuti

Tutto quello che c’è da sapere sulle tasse universitarie

Tutto quello che c’è da sapere sulle tasse universitarie

Trasporto, vitto e alloggio per i fuorisede, libri di testo dai costi spropositati: laurearsi non è un compito poco costoso. Le tasse universitarie so

Cameo e SOS Villaggi dei Bambini insieme per “AutonoMIA”
Dalle stelle alle stalle. Il crollo di Renren
USA, ancora armi nelle scuole. Ora basta

Trasporto, vitto e alloggio per i fuorisede, libri di testo dai costi spropositati: laurearsi non è un compito poco costoso. Le tasse universitarie sono parte della spesa. Ecco come funzionano e come si possono ridurre.

Andare all’Università costa. E tra i mille pagamenti da fare ci sono le tasse universitarie, tasse che vanno pagate ogni anno e che variano a seconda del reddito. Ogni università ha una soglia di pagamento differente e diverse variazioni di tassa, per esempio se uno studente finisce fuori corso. Per cui prima di iscriversi conviene controllare le tasse e come funzionano sul sito di ogni università presa in considerazione.

Per iscriversi bisogna presentare l’Isee, ossia l’indicatore della disponibilità economica di una famiglia legato al reddito. Per ottenere l’Isee bisogna chiedere all’Inps o a dei centri di assistenza fiscale (Caf), con documenti che attestano il proprio reddito e con la “dichiarazione sostitutiva unica” (Dsu). Basterà poi controllare sul sito a che fascia di tassazione si corrisponde con il proprio Isee. Se non si consegna l’Isee in tempo o non lo si consegna affatto si viene considerati nella fascia più alta di pagamento.

A scanso di equivoci, tutto questo riguarda la cosiddetta “tassa di frequenza”. Una tassa annuale che aumenta per i fuori corso e diminuisce per meriti accademici o invalidità.

Ma non è l’unica tassa da pagare. Infatti per l’immatricolazione effettiva serve presentare anche la tassa d’iscrizione all’Università. La differenza sta nel fatto che la tassa d’iscrizione all’università non varia per reddito o altro. Pertanto la tassa è uguale per tutti gli iscritti allo stesso ateneo. E varia per ogni università, quindi è sempre bene controllare, prima dell’immatricolazione, a quanto ammonta l’iscrizione.

Un’ultima tassa che può interessare gli studenti che si vogliono iscrivere all’università è la Tassa regionale per il diritto allo studio, uguale per ogni regione.

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    […] LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sulle tasse universitarie […]

  • DISQUS: 0