3 ministeri per l’alternanza scuola-lavoro: Difesa, Lavoro e Scuola promettono collaborazione

3 ministeri per l’alternanza scuola-lavoro: Difesa, Lavoro e Scuola promettono collaborazione

I ministeri di Difesa, Lavoro e Scuola si uniscono per cambiare l'alternanza e renderla ancora più efficiente, grazie alla collaborazione tra loro. Il

Incontro tra docenti e imprenditori sull’alternanza
Studenti in Alternanza usati come camerieri alla festa del PD
Alternanza scuola-lavoro: a che punto siamo?

I ministeri di Difesa, Lavoro e Scuola si uniscono per cambiare l’alternanza e renderla ancora più efficiente, grazie alla collaborazione tra loro. Il ministero della difesa mette a disposizione alcuni spazi per far lavorare i ragazzi, quello del lavoro ne cura gli sbocchi lavorativi.

La tanto criticata alternanza scuola-lavoro continua ad essere attiva e da oggi gode della collaborazione congiunta di tre ministeri. A firmare un Protocollo d’intesa per collaborare all’alternanza sono stati:

  • Il Sottosegretario Luigi Bobba per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
  • il Sottosegretario Gioacchino Alfano per il Ministero della Difesa
  • Il Sottosegretario Gabriele Toccafondi per il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

La collaborazione ha come scopo da oggi unire i due ambiti istruttivo e lavorativo per un fine ed un percorso comune e di partecipazione. Il sottosegretario Luigi Bobba ha dichiarato che l’alternanza verrà rafforzata assieme al percorso di apprendistato formativo. Ha inoltre promesso che la maggiore novità sarà la centralità assoluta dello studente e la valorizzazione del loro ruolo.

Verrà rafforzata la collaborazione e lo scambio di veduta tra scuola e agenzie formative e l’attività di orientamento per far scegliere agli studenti un percorso che si addice loro al meglio. Seguita da una campagna di informazione per gli sbocchi eventuali occupazionali dopo gli studi.

Il Ministero della Difesa metterà a disposizione i musei militari, gli Enti e gli istituti operativi e logistici. Gli studenti potranno aiutare il ministero durante il periodo dell’alternanza nei suddetti spazi. Bobba dichiara che il percorso è in sintonia con i fondi della legge di bilancio 2018 e che quindi non incontrerà problemi.

Alfano si è detto entusiasta che i ragazzi imparino come funziona il mondo militare per poterlo, magari, un giorno vivere in prima persona. Mondo militare che in seguito alla sfida globale rappresenta il meglio che la nazione Italia può offrire.

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0