Tempo di lettura: 1 Minuti

La burocratizzazione dell’università italiana e i suoi esiti infausti

La burocratizzazione dell’università italiana e i suoi esiti infausti

L'università italiana sta vivendo negli ultimi anni una grande burocratizzazione tesa al suo riordino e controllo. Non sempre, però, l'esito è quello

Scandalo all’Università di Bruxelles: “Gonna e scollatura per la proclamazione”
Università top 10: le pubbliche
Perché costruire nuovi edifici quando si possono riqualificare vecchi stabili?

L’università italiana sta vivendo negli ultimi anni una grande burocratizzazione tesa al suo riordino e controllo. Non sempre, però, l’esito è quello sperato.

Non è solo colpa dei tagli ai fondi universitari, degli scandali e di un livello spesso minore sia dei professori che degli studenti se l’università italiana non sta vivendo il suo miglior periodo. Causa dei deficit della nostra università è anche l’eccessiva burocratizzazione della vita negli atenei.

La tendenza attuale, infatti, spesso per garantire ordineuniformità e giustizia di trattamento è il ricorso alla burocratizzazione anche del più semplice procedimento. Per fare qualsiasi cosa un professore, un ricercatore o uno studente universitario deve scontrarsi con una miriade di ostacoli che se, spesso, potenzialmente positivi, non sono tali nei risultati.

Raggiungere un obiettivo, anche il più semplice, è diventato un crocevia di step da rispettare, che si tramutano in un dilungamento dei tempi e impiego di energie per finire alle volte con un insuccesso.

Parola a Massimo Ferri, professore di Geometria a Bologna

È naturale che l’Università debba sottostare a regole generali della Pubblica amministrazione. Talvolta, però, questo principio finisce per causare problemi“.

A sottolineare la problematica dell’eccessiva burocratizzazione dell’università italiana è Massimo Ferri, Docente di Geometria all’Università di Bologna.
Con due differenti articoli su il “Il Fatto Quotidiano” ha affrontato il tema, almeno come visto e vissuto da lui stesso.

“Ben vengano criteri oggettivi, parametri con cui si possano evitare disomogeneità fra atenei e limitare abusi, o almeno screditare palesemente chi li perpetra! Il guaio è che ci sono colleghi oltranzisti che ne fanno dei totem, delle chiavi di volta del sistema universitario”.

Come sostenuto da Massimo Ferri, la burocratizzazione dell’università italiana si è materializzata in:

  • indici bibliometrici imposti ai professori e ricercatori;
  • formulari per i giudizi degli studenti;
  • determinismo concorsuale;
  • limite di legge al numero degli esami, per tutte le facoltà;
  • crediti formativi con cui si valuta la preparazione dello studente.

Una tale burocratizzazione comporta, a volte, gli effetti inversi rispetto a quelli sperati. Invece che mettere in ordine l’università si rischia di rallentarla, aggravando i problemi già esistenti.
Si badi, però, che questa non vuole essere una critica al ricorso alla burocrazia per i giusti fini, piuttosto un monito per evitarne l’eccesso.

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0