Tempo di lettura: 2 Minuti

A Udine nascono i corsi di tecnica specializzati per aziende: Tecnica edilizia il primo

A Udine nascono i corsi di tecnica specializzati per aziende: Tecnica edilizia il primo

Anche a Bolzano, Bologna e Napoli, oltre che a Udine, nascono i corsi specializzanti per le aziende, con tre anni di studi e tirocini che potranno ins

Social network e aziende italiane: un rapporto vincente studiato dalla Milano-Bicocca
JobStart 2019: ci siamo Giovany!
Stage4eu: l’app per tirocini in Europa

Anche a Bolzano, Bologna e Napoli, oltre che a Udine, nascono i corsi specializzanti per le aziende, con tre anni di studi e tirocini che potranno inserire nel mondo del lavoro i neo laureati. Il rettore de Toni difende l’iniziativa, assicurando continuità e non scontro con il diploma ITS.

In Italia servono più tecnici specializzati e professionisti e l’università di Udine coglie la palla al balzo con nuovi corsi specializzanti. Le aziende li cercano e dopo il diploma all’ITS da adesso non bisogna escludere la strada universitaria. Con corsi che apriranno ad Ottobre a Bolzano, Napoli e Bologna, l’Italia si adegua ad una nuova richiesta dell’Europa. Si spera che questo tipo di lauree porteranno i tecnici ad essere molto più allenati ed informati, capaci di competere anche a livello europeo per posti in aziende straniere.

Il rettore dell’Università di udine Francesco de Toni ha commentato di essere entusiasta del progetto, che si potrà collegare agli anni di ITS. Sta lavorando alle convenzioni per rendere il passaggio sempre più facile, ma intanto assicura che 96 crediti su 120 saranno riconosciuti. Intanto anche in altre città nascono i primi corsi specializzanti: a Bologna e nella Federico II di Napoli a ottobre cominceranno i corsi di meccatronica, laurea che rilascerà nel mondo del lavoro super-periti industriali. A Bolzano invece pronto per lo stesso mese un corso di tipo agroalimentare.

I vari corsi saranno scelti ogni anno in concordanza con gli Ordini lavorativi. Che potranno anche creare dei ponti per fornire uno sbocco lavorativo ai ragazzi laureati. L’educazione terziaria trova così in Italia un adeguamento importante, che porterà i ragazzi a tre anni di studi, durante i quali parteciperanno a vari tirocini. Che li abitueranno ad un mondo del lavoro che richiede personale sempre più specializzato e qualificato.

Per l’anno prossimo i posti saranno in tutta Italia solo 600, poiché ogni università può aprire un solo corso l’anno.

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0