Tempo di lettura: 1 Minuti

Futura : Bologna e il piano scuola digitale

Futura nasce da un omaggio a uno dei cittadini più famosi di Bologna, Lucio Dalla, e trae ispirazione dal percorso tracciato dal Pnsd per la scuola de

Pentenero varia il calendario scolastico: il Piemonte rientrerà a scuola lunedì 11 settembre
2019: il Best of di Benedetta Erasmo
Scuola ancora nel caos: pronto concorsone da 63.700 posti per i docenti

Futura nasce da un omaggio a uno dei cittadini più famosi di Bologna, Lucio Dalla, e trae ispirazione dal percorso tracciato dal Pnsd per la scuola del futuro. #FacceCaso.

Il Ministero dell’Istruzione in collaborazione con il Comune di Bologna, presentano Futura, tre giorni di iniziative formative e dibattiti sui temi del Piano nazionale scuola digitale.

A due anni dall’introduzione del Pnsd, avvenuta con la legge 107 del 2015 sono stati stanziati oltre un miliardo di euro per promuovere l’innovazione all’interno delle scuole.

Gli incontri, che proseguiranno fino a sabato, saranno lo spunto per guardare al futuro della scuola e confrontarsi nell’ottica dell’arricchimento reciproco.

Futura nasce da un omaggio a uno dei cittadini più famosi di Bologna, Lucio Dalla, e trae ispirazione dal percorso tracciato dal Pnsd per la scuola del futuro.

“Il futuro invade Bologna e lo fa attraverso un grande evento dedicato alla scuola che si mette in gioco, che si fa promotrice del cambiamento, che si chiede come sostenere le nuove generazioni nel loro percorso di crescita”. Dice Valeria Fedeli, la ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Domani alle ore 17.00, Palazzo Re Enzo ospiterà l’appuntamento istituzionale con Fedeli, con il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e con il sindaco, Virginio Merola.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0