Tempo di lettura: 1 Minuti

Social vietati per i professori? Oh oh.

Social vietati per i professori? Oh oh.

Social vietati in qualche scuola, spaventata dalle ultime notizie dei “rapporti” tra professori e studenti. Dopo quello che è successo a Roma (guarda

Sottocultura
Gabriele Frasca, un autore troppo “vivo” per diventare professore universitario
Il professore contro le pagelle

Social vietati in qualche scuola, spaventata dalle ultime notizie dei “rapporti” tra professori e studenti.

Dopo quello che è successo a Roma (guardate qui) dove i rapporti tra professori e studentesse si facevano sempre più intimi sui social, i sindacati e la scuola stanno pensando di rendere i social vietati ai professori. Sarebbe un modo per evitare che queste brutte ondate finiscano? Non lo so, ma potrebbe essere un inizio.

Sembra qualcosa di nuovo e forse per voi è normale avere un professore “infiltrato” in un gruppo whatsapp o averlo come amico su Facebook, in realtà per alcune scuole questo non si può proprio fare. E se l’Aran (quello che fa i contratti degli enti pubblici come la scuola) deciderà per l’eliminazione, i social verranno vietati definitivamente (per i professori).

In alcune zone d’Italia queste cose sono già vietate dai dirigenti scolastici, come a Savona dove qualche tempo fa una professoressa era stata già richiamata per i complimenti fatti sui social al genitore di un suo alunno. #Pensateunpo’
I professori di Savona, ora, non possono né contattare nessuno dei loro alunni o genitori sui social né chiedere l’amicizia. I contatti quindi, solo a scuola e negli orari scolastici e soprattutto solo per i motivi che riguardano la scuola, niente di personale.

Lo stesso era per noi, ai tempi (ahimè) passati del liceo, quando Facebook stava prendendo piede. I professori non avrebbero mai accettato le nostre richieste di amicizia fino a dopo l’esame di maturità. Che forse non era male, visto che i nostri stati non erano dei più clementi. Ecco.

Tra studenti e professori ci vuole un po’ di amicizia? Questo sicuramente ma non così tanta vicinanza come quella che danno i social. Social vietati o social permessi tra studenti e professori? Voi che dite, visto che sicuramente siete più giovani di me?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0