Tempo di lettura: 2 Minuti

Divise scolastiche: a Salerno hanno detto no.

Divise scolastiche: a Salerno hanno detto no.

Le divise scolastiche hanno messo in crisi un alberghiero della provincia di Salerno. Tra minacce dei professori e degli studenti. Divise scolastiche

Sardegna: professoressa aggredita dalla mamma di una studentessa
Soldi guadagnati coi social, Lovby ce lo dimostra
Arriva AlterEgo

Le divise scolastiche hanno messo in crisi un alberghiero della provincia di Salerno. Tra minacce dei professori e degli studenti.

Divise scolastiche? Una scuola in provincia di Salerno ha urlato: NO. Gli studenti dell’istituto alberghiero di Pagani hanno dovuto cambiare notevolmente il modo di vestirsi da qualche giorno a questa parte, lasciando a casa i jeans strappati e le magliette per indossare le polo blu con il logo della scuola e jeans, rigorosamente cuciti.

La reazione dei ragazzi non è stata delle migliori perché UdS (Unione degli Studenti) ha sostenuto la protesta contro questa misura definendola antidemocratica e con gravi minacce per le quinte, come quella di non essere ammessi agli esami di stato. #Mmh

Un altro problema è quello del contributo volontario per le divise scolastiche. E nei nostri anni di liceo abbiamo imparato che queste somme di denaro non sono mai completamente volontarie. E infatti, chi non le paga potrebbe non partecipare alle materie pratiche, fondamentali per gli istituti a indirizzo alberghiero.

Dall’altro lato, presidi e professori sostengono che la divisa possa dare una propria personalità alla scuola come anche evitare che i jeans siano troppo strappati e le magliette troppo, ma troppo scollate. Durante le materie pratiche è anche necessario mettere la divisa, ce lo vedete voi un cuoco con la felpa della Supreme?

Ma questo non basta ai ragazzi che hanno intenzione di denunciare l’introduzione della norma e soprattutto delle minacce fatte dai professori a chi non l’avesse seguita. A detta degli studenti i problemi sarebbero altri, non l’abbigliamento dei ragazzi.

Anche se ultimamente tante scuole stanno correndo ai ripari, preoccupate dall’abbigliamento non proprio consono degli studenti. Sono lontani i tempi in cui una canottiera poteva farti rimandare a casa. E sì, se ve lo state chiedendo, è successo davvero. O almeno, nella mia scuola succedeva abbastanza spesso.

Questa non è proprio una #Bellastoria, chissà come andrà a finire.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0