Tempo di lettura: 3 Minuti

Scimmie clonate in Cina: dal problema scientifico a quello etico

Scimmie clonate in Cina: dal problema scientifico a quello etico

Due scimmie sono state fatte nascere in Cina con la tecnica della clonazione cellulare, la stessa utilizzata per creare la pecora Dolly. Un'equipe di

Wechat in Cina diventa una carta d’identità
Il mondo delle app continua a crescere e non si ferma
Cina: arriva la Banca del voto

Due scimmie sono state fatte nascere in Cina con la tecnica della clonazione cellulare, la stessa utilizzata per creare la pecora Dolly.

Un’equipe di ricercatori attivi presso la Chinese Academy of Science Institute of Neuroscience di Shanghai è riuscita nella clonazione di due scimmie. Si tratta di due macaco cinomolgo, raggiungendo così un importante traguardo scientifico mai raggiunto prima.

Le due scimmie, chiamate Zhong Zhong Hua Hua, sono infatti state clonate con una particolare tecnica, riuscita a superare le difficoltà che avevano riguardato la clonazione di primati.
Come sostenuto sulla rivista scientifica Cell, dove è stato pubblicato lo studio, la tecnica ha previsto la rimozione del nucleo da una cellula uovo e la sua sostituzione con il nucleo di una cellula somatica del donatore.

In questo modo le due scimmie, nate a due settimane di distanza, risultano essere gemelle poiché condividono lo stesso patrimonio genetico.

Abbiamo dovuto provare diversi metodi, fallendo diverse volte – ha spiegato Quiang Sun, a capo dell’equipe -. Solo uno ha funzionato. La tecnica che abbiamo messo a punto permetterà di comprendere meglio la biologia dei primati. Siamo ora in grado, per esempio, di produrre scimmie con lo stesso patrimonio genetico eccetto per un singolo gene, il che ci aiuterà a studiare disturbi come il cancro o le malattie del sistema immunitario e metabolico e a valutare l’efficacia dei farmaci prima dell’uso clinico“.

Se da una parte in vantaggi sono quindi evidenti, dall’altra non mancano però dubbi di tipo etico.
La clonazione, infatti, supera il “mistero” dell’origine della vita, rendendola invece manipolabile a piacimento. Allo stesso tempo la clonazione priverebbe gli individui della loro unicità.

Cosa potrebbe comportare tutto questo nel caso in cui ad essere clonato sia l’uomo?
Non resta però che aspettare, nella speranza che la scienza progredisca sempre nel rispetto dell’etica.

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0