Tempo di lettura: 2 Minuti

Per la prima volta nella storia il Vaticano parteciperà alle Olimpiadi

Per la prima volta nella storia il Vaticano parteciperà alle Olimpiadi

Cio e Santa Sede continuano con diversi progetti, uno che ci riguarda dal vicino sono i Giochi olimpici della gioventù in programma a ottobre a Buenos

Il problema di gioco d’azzardo e alcool tra i giovani
Assolta prof sospesa per non aver usato il registro elettronico
Instanteat: il primo menù sensoriale al mondo

Cio e Santa Sede continuano con diversi progetti, uno che ci riguarda dal vicino sono i Giochi olimpici della gioventù in programma a ottobre a Buenos Aires. #FacceCaso.

Per la prima volta nella storia, il Vaticano parteciperà alle Olimpiadi. Il 9 febbraio una delegazione della Santa Sede è stata invitata dal Comitato Olimpico Internazionale a partecipare all’inaugurazione dei Giochi invernali di PyeongChang in Corea.

Monsignor Melchor Sanchez de Toca, sottosegretario del Pontificio consiglio della Cultura e maratoneta doc della Athletica Vaticana, rappresenterà la Santa Sede in Corea.

“All’apertura dei Giochi invernali a pochi chilometri dalla frontiera che separa le due Coree, la frontiera più militarizzata acquista un valore simbolico unico grazie alla presenza di atleti della Corea del Nord che parteciperanno formando un unico comitato con i colleghi della Corea del Sud”. Sottolinea il sacerdote in una intervista all’Osservatore Romano.

Monsignor Sanchez consegnerà al presidente del Cio, il tedesco Thomas Bach, le magliette di Athletica Vaticana, la squadra composta dai dipendenti della Santa Sede, da monsignori e religiosi, che corrono con i colori bianco-gialli per la pace e la solidarietà in tutto il mondo.

“L’esile tregua olimpica consente di continuare a sperare in un mondo senza guerre nonostante i tanti conflitti attualmente in corso”. Aggiunge il delegato vaticano.

Athletica Vaticana regalerà le proprie t-shirt agi atleti coreani come segno di amicizia.

Passeranno alla storia come i “maratoneti del Papa” e non solo parteciperanno alla cerimonia, come accaduto a Rio de Janeiro nel 2016, ma anche alla sessione olimpica.

“Siamo stati già invitati ma era un invito come ospite, a titolo personale. Questa volta l’invito é stato rivolto ufficialmente alla Santa Sede. È il frutto di un lavoro paziente, di rapporti che sono stati tessuti con il Comitato olimpico internazionale”. Aggiunge mons. Sanchez.

Cio e Santa Sede continuano con diversi progetti, uno che ci riguarda dal vicino sono i Giochi olimpici della gioventù in programma a ottobre a Buenos Aires.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0