Formazione all’estero: Palermo ha un’idea

Formazione all’estero: Palermo ha un’idea

I fondi di Palermo capitale della cultura per un periodo di formazione all’estero. #Bellastoria. Palermo sarà la capitale della cultura 2019, tra le

Batteri e pittura: avresti mai creduto che potessero essere in correlazione?
Nuova vita per Palazzo Carli
La domanda che non vorresti mai ricevere: “Ma quando ti laurei?”

I fondi di Palermo capitale della cultura per un periodo di formazione all’estero. #Bellastoria.

Palermo sarà la capitale della cultura 2019, tra le altre iniziative per l’arte di cui è piena, ha deciso di fare una manovra davvero importante per i ragazzi che non potrebbero permettersi di studiare. O che semplicemente non possono andare all’università. Quindi, chi va all’università può fare l’esperienza di un Erasmus all’estero e chi non va? Beh, la città di Palermo ha deciso che potrà fare un periodo di alta formazione in un paese straniero. E tornare in Italia più skillato di prima.

Il sindaco Orlando ha annunciato di voler spendere una parte del milione ottenuto dal Ministero dei Beni Culturali proprio per creare il progetto “Erasmus: un passaporto per l’integrazione e l’istruzione universitaria”, che non si rivolgerà solo a chi svolge un percorso universitario ma anche a chi vuole fare una piccola esperienza all’estero e riportare ciò che ha imparato nel suo paese di origine. Così da fornire un servizio più consapevole e magari, di qualità superiore.

Sarà un’occasione non solo di crescita, ma anche di formazione. Dal punto di vista del mestiere e anche della lingua straniera. Potrebbe essere un rimedio per il lavoro in nero, per introdurre anche nelle piccole aziende l’alta innovazione. Tutte caratteristiche che un ragazzo può imparare viaggiando all’estero.

Bisogna dare la possibilità a tutti di ampliare i propri orizzonti e non solo a chi ha i mezzi per farlo. E non solo a chi vuole studiare. Anche chi si è già buttato nel mondo del lavoro può avere diritto ad un periodo di formazione all’estero, che potrebbe portare una ventata nuova nell’azienda di famiglia. Dare l’opportunità ai ragazzi di formarsi come giovani qualificati e specializzati non può che essere qualcosa di più per una capitale della cultura. E brava Palermo!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0