Tempo di lettura: 3 Minuti

Manuale d’istruzione: il programma politico dei ragazzi per i ragazzi

Manuale d’istruzione: il programma politico dei ragazzi per i ragazzi

Udu e Rete degli studenti medi lanciano Manuale d'istruzione. Il programma che tutti i politici dovrebbero seguire. Arriva il Manuale d'istruzione, u

Sei indeciso sul tuo futuro? La parola chiave è orientamento
L’Università di Bolzano fa il punto sulla situazione

Roma: 7 studenti su 10 scelgono il liceo

Udu e Rete degli studenti medi lanciano Manuale d’istruzione. Il programma che tutti i politici dovrebbero seguire.

Arriva il Manuale d’istruzione, un programma scritto dai ragazzi per i ragazzi e che a breve verrà presentato dai suoi creatori a tutti i partiti italiani. Tutto questo per far sì che ci sia un vero e proprio programma che segua e modifichi la scuola. Di cosa si tratta? Vediamo un po’.

Al primo punto troviamo l’uguaglianza e la rimozione delle barriere scolastiche, e non parliamo solo di razza, parola che non potrei dire. Parliamo di diversità di apprendimento e di integrazione dei “meno-bravi” all’interno delle classi, evitando di creare scompiglio. Poi, se siete d’accordo con l’università gratuita (qui) aggiungetelo pure.

C’è poi l’edilizia scolastica, quella spina che fa male nella maggior parte d’Italia, e non ditemi che non è vero, perché mi ricordo la mia scuola media com’era messa prima e dopo il terremoto del 2009. È ancora così.

Si potrebbe anche rivalutare la valutazione. Nel senso che il numero ci sta anche bene ma bisogna motivare quel numero (dovrebbe valere anche all’università) per comprendere dove abbiamo sbagliato e non solo che abbiamo sbagliato.

Deve essere innovativa. Eh sì, vi stiamo tartassando con questa parola ma è vero. Siamo il paese con l’istruzione più vecchia che esista e per carità, sarà anche la migliore formazione accademica ma dal punto di vista pratico manca qualcosa.

Ultimo ma non per importanza è il voto ai ragazzi fuorisede. Perché per me tornare da Roma in Abruzzo è semplice, ma Lamezia Terme – Milano o Roma – Palermo non è così facile. O magari è periodo di esami e viaggiare per votare sarebbe uno #sbatti, quindi preferiamo non votare. Questo deve essere corretto e bisogna dare a tutti la possibilità di esprimere la propria preferenza. Soprattutto a qualcuno che tutto sommato sta lontano da casa da qualche anno e non solo per qualche giorno.

I punti sono molti di più e Il Manuale d’istruzione lo trovate qui. Che dite, si può fare?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0