App contro bulli e spacciatori, parte ad Ancona

App contro bulli e spacciatori, parte ad Ancona

Ad Ancona l’app in cui cittadini possono segnalare in tempo reale atti di bullismo o spaccio, ma anche altri crimini. Ad Ancona la polizia si fa più

Anche ad Ancona scandalo a “luci rosse” in un liceo
Ryanair non le imbarca la carrozzina, Elena denuncia su Facebook la compagnia.
Una tragedia in discoteca, che Corinaldo faccia riflettere

Ad Ancona l’app in cui cittadini possono segnalare in tempo reale atti di bullismo o spaccio, ma anche altri crimini.

Ad Ancona la polizia si fa più smart e digitale. Infatti è stata lanciata la nuova app You Pol, presentata ieri nelle questure dei capoluoghi di regione. Era stata in primis testata su Milano, Roma e Catania, adesso l’utilizzo arriva anche in altre zone, tra cui Ancona.
I risultati erano stati positivi, con 20 mila download e 300 segnalazioni utili.

Da ieri scaricabile e attiva, dopo che la presentazione è avvenuta nella questura della città, con il questore Oreste Capocasa che ha caldeggiato l’iniziativa. Al momento sono segnalazioni per questi due reati particolari, più adatti ai problemi dei giovani, quali bullismo e droga.

Probabile che però le segnalazioni, in caso di buoni risultati, si spostino anche ad episodi di altro genere. Si punta a farla utilizzare ai giovani, a far sì che siano loro a sfruttarne le potenzialità e a non nascondere episodi di microcriminalità.
Anche solo raccontare un atto di bullismo attraverso You Pol sarebbe un grande risultato.

Bisogna chiedersi se riuscirà questo sistema innovativo a sostituire piano piano la famosa chiamata al 113. Questa infatti poteva appesantire la capacità di risposta del pronto intervento, mentre un’app mostra tutto e permette di selezionare le situazioni più a rischio.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0