Tempo di lettura: 1 Minuti

Downvote: il nuovo pulsante di Facebook

Downvote: il nuovo pulsante di Facebook

Potrebbe arrivare Downvote, il pulsante per moderare le discussioni sui gruppi. Vi ricordate quando Facebook aveva provato ad introdurre il pulsante

A casa con mamma e papà? Anche l’America ci imita
Il college USA tra fake news e realtà
Fenomeno Hikikomori : ragazzi chiusi in casa con Internet

Potrebbe arrivare Downvote, il pulsante per moderare le discussioni sui gruppi.

Vi ricordate quando Facebook aveva provato ad introdurre il pulsante di “dislike” ovvero il pollice in giù? Probabilmente è durato qualche mese, o forse meno. Insomma non aveva avuto molto successo, e forse creava più litigi che altro. Il social network per eccellenza ci riprova e inserisce il pulsante Downvote, per il controllo dei gruppi.

Zuckerberg mette a disposizione per i gruppi di Facebook circa 10 milioni di dollari per evitare l’odio e i litigi all’interno delle community. Il pulsante Downvote favorisce la segnalazione di commenti inappropriati, incivili o inadatti al gruppo. Non c’entra nulla con il famoso pulsante di dislike, che a detta del social, non favoriva il dialogo ma è uno strumento di controllo per rendere le discussioni nei gruppi più “formative”.

Chi userà il pulsante avrà un’azione diversa da quella del semplice nascondi, che permette alle persone di non vedere più quel contenuto sulla propria bacheca. Anzi, potrà non vedere più il commento e anche segnalarlo come ingannevole o inadatto. Uno strumento che forse si affianca al riconoscimento delle Fake News (ve ne avevamo parlato qui) che anche negli USA sono un grande problema.

Il tentativo è quello di rendere Facebook uno strumento migliore e più controllato, per evitare discussioni violente e non costruttive, quali dovrebbero essere quelle sui social. (Ah si?)
Di tutti gli iscritti su Facebook, quasi un miliardo interagisce sui gruppi e di questi circa cinque milioni di utenti Android stanno sperimentando il nuovo pulsante.

Oltre a questo, Facebook mette in palio tramite un bando un premio di un milione di dollari per i migliori community leaders, che potranno anche andare negli uffici del social network a sviluppare progetti per i propri gruppi anche per Instagram, Messenger o Whatsapp.

Arriverà o no questo pulsante Downvote?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0