Tempo di lettura: 2 Minuti

iPhone X finti scoperti in Campania

iPhone X finti scoperti in Campania

Un carico di iPhone X, che in verità erano copie cinesi con sistema Android. Il tutto scoperto dalla Guardia di Finanza a Napoli. “We uagliù bell st’

Onomastico: la sfiga di chiamarsi Francesca Romana
Fumo alla guida: il M5S propone il divieto
Pagination, la start up italiana che ha conquistato le università statunitensi

Un carico di iPhone X, che in verità erano copie cinesi con sistema Android. Il tutto scoperto dalla Guardia di Finanza a Napoli.

“We uagliù bell st’iphone X!”. Senza troppa ironia a Napoli è successa una bella truffa di cellulari poco Apple e molto Android. Si tratta del classico “pacco” cinese di belle copie dell’ultimo modello di Cupertino.
Una scocca da iPhone X, design veramente simile, ma con il sistema operativo di un Android, seppur presentassero un’interfaccia grafica decisamente simile a quella di iOs.

Un mix letale, poiché di fatto erano venduti al prezzo stellare dell’originale, senza avere nemmeno un briciolo dei primi.
È intervenuta però la Finanza nel capoluogo campano, che ha scoperto e sequestrato ben due depositi di assemblaggio a Casoria. In pratica lì dentro delle fabbriche improvvisate trasformavano gli smartphone Android in “pregiati” modelli Apple.

Sapete quanti di questi sono stati trovati e sequestrati dalle forze dell’ordine? Ben dodicimila articoli, che sarebbero con ogni probabilità finiti nelle mani di qualche acquirente ignaro del tutto, ma probabilmente convinto di aver appena comprare un modello top di gamma a prezzo inferiore.

I sigilli sono stati messi non solo ai suddetti iphone, ma anche a molte copie di orologi preziosi, quali Rolex, Audemars Piguet, Patek Philippe, Iwc, Panerai, Frank Muller, Omega, tutti perfettamente contraffatti e inseriti addirittura nei cofanetti con garanzia e tagliando di qualità.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0