Firmato il rinnovo del contratto dei docenti

Firmato il rinnovo del contratto dei docenti

Ecco le novità che interessano tutto il personale scolastico.Il rinnovo era atteso da molto tempo, ma capiamo nel dettaglio di cosa si tratta. Dopo m

A Trento nasce la prima laurea per fare previsioni meteo
Payver, l’app che ti paga per guidare
Rientro a scuola: il Codacons ha fornito delle dritte alle famiglie per risparmiare sul materiale didattico

Ecco le novità che interessano tutto il personale scolastico.Il rinnovo era atteso da molto tempo, ma capiamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Dopo mesi di intense trattative, docenti contro Miur, attacco contro difesa, finalmente le due parti sono giunte ad un accordo sul rinnoveo del contratto. Cosa è cambiato dal momento della firma? Scopriamolo insieme.

Per prima cosa, argomento molto caro agli insegnanti, arriva il tanto agognato aumento di busta paga. Da 81 passa a 111 euro, suddivisi in tre anni, che arriveranno ad aprile insieme agli arretrati. A ciò andrà ad aggiungersi il famoso bonus merito di 200 milioni di euro che da una parte sarà destinato agli stipendi, dall’altra diventerà oggetto di contrattazione nella valutazione dei docenti.
Cambia anche l’argomento mobilità, il cui contratto diventa triennale, anche se a dir la verità si potrà presentare domanda ogni anno con specifiche condizioni.

Per quanto riguarda la parte legata alla formazioni e alle mansioni, rimane valida la divisione “40+40” sulle ore di lavoro dedicate alle riunioni pomeridiane, come consigli di classe, ricevimento di genitori, etc.
Inoltre è stata annullata la parte in cui si decretava che i dirigenti assegnassero incarichi agli insegnanti senza che questi ultimi potessero rifiutare.

Diventano obbligatorie invece sia la formazione di servizio ( anche se il numero di ore annuale verrà deciso dal Collegio ) sia la mansione di tutor dell’alternanza scuola lavoro, anche se quest’ultima sarà pagata a parte.
Rimane infine con un punto interrogativo la questione legata alle sanzioni disciplinari, di cui è stata messa in stand-by la conclusione dell’accordo.
Potranno d’ora in poi quindi andare d’amore e d’accordo personale scolastico e Ministero dell’Istruzione?

#FacceCaso

Di Emanuele Caviglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0