Tempo di lettura: 2 Minuti

Usare Internet per studiare migliora le prestazioni scolastiche! È dimostrato…

Usare Internet per studiare migliora le prestazioni scolastiche! È dimostrato…

Ci dicono che stiamo sempre davanti al computer. Ma se usare Internet per studiare ci aiutasse con i voti? Uno studio condotto negli Stati Uniti e pu

Nokia sta tornando, ma non come l’avevamo lasciata
Pixel 2, la seconda generazione dello smartphone Google
iPhone X, quanti dubbi!

Ci dicono che stiamo sempre davanti al computer. Ma se usare Internet per studiare ci aiutasse con i voti?

Uno studio condotto negli Stati Uniti e pubblicato sull’International Journal of Science Education ha rivelato che il supporto di Internet aiuta tantissimo soprattutto negli studi scientifici.
Recentemente in Italia si è discusso dell’ammissione dei cellulari nelle scuole: entusiasti gli studenti, un po’ meno i professori e i genitori.
Però il mondo cambia e i cambiamenti non sono sempre da considerarsi negativi. La verità è che usare internet per studiare non è poi una brutta idea.

Ma vediamo cosa dice lo studio!

La ricerca

Nello specifico lo studio è stato svolto su un campione di 2.300 studenti provenienti da 13 scuole medie di due diversi stati USA. Agli studenti sono state sottoposte diverse prove di tipo scientifico che comprendevano matematica, ingegneria, tecnologia e scienze, e sono stati forniti loro supporti tecnologici legati a Internet. Tramite computer o tablet i giovani avevano accesso a video interattivi, esperimenti online, giochi ecc..
I ragazzi e le ragazze sono stati lasciati liberi di scegliere se sfruttare gli aiuti online oppure no.

I risultati

Ciò che ne è emerso ha dell’incredibile. Coloro che hanno deciso di avvalersi della tecnologia sono nettamente migliorati nelle loro prestazioni.
Nello specifico è emerso che chi ha utilizzato i supporti tecnologici è migliorato di 18 punti percentuali. Invece chi ha preferito continuare a studiare in modo “classico” è migliorato solo di 5 punti.

Gli studenti con disturbi dell’apprendimento

Il risultato più sorprendente comunque è stato manifestato dagli studenti che presentano disturbi dell’apprendimento come difficoltà nel leggere e scrivere. I risultati di questi studenti sono saliti, in media, di 13 punti percentuali.

Secondo gli studiosi, l’utilizzo dei giusti supporti online può aiutare di molto nel superare il divario tra gli studenti che hanno disturbi dell’apprendimento e coloro che invece non ne hanno.

Quindi a tutti quelli che ci dicono che andiamo male a scuola perché stiamo troppo davanti al computer, d’ora in poi potremo rispondere con i dati alla mano! Certo, non è che stando su Instagram e Facebook tutto il giorno miglioreremo le nostre prestazioni scolastiche, ma possiamo impegnarci per cercare i programmi giusti.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0