Tempo di lettura: 1 Minuti

Assolta prof sospesa per non aver usato il registro elettronico

Assolta prof sospesa per non aver usato il registro elettronico

Dopo 3 anni d'attesa il verdetto ha dato ragione alla docente. Una vicenda iniziata nel 2015 e conclusasi nel 2018. Neanche fosse un maxi-processo co

Genova: una partita a carte scatena il caos all’Università
DaD, ecco chi l’ha immaginata e ora sta rivoluzionando la scuola
Bene l’ Unimore, il Rapporto Laureati premia l’Ateneo di Modena e Reggio Emilia

Dopo 3 anni d’attesa il verdetto ha dato ragione alla docente.

Una vicenda iniziata nel 2015 e conclusasi nel 2018. Neanche fosse un maxi-processo contro un’organizzazione criminale o qualcosa di simile. È infatti una vicenda proseguita più del dovuto quella della professoressa di una scuola di Barletta: l’insegnante, all’epoca dei fatti nel 2015, era stata sanzionata dalla preside per non aver utilizzato il registro elettronico ma essersi affidata a quello cartaceo.

Avrebbe potuto bastare un semplice richiamo o un chiarimento, ma il dirigente scolastico ha usato le maniere forti sospendendo per un giorno la docente in questione. La professoressa per andare a fondo della vicenda ha presentato ricorso, vincendolo, al tribunale di Trani.

La motivazione della giuria è stata dettata dalla “mancanza di adeguata strumentazione a scuola all’epoca del fatto addebitato, cosa non certo colpa dell’insegnante.” 

Infatti, questa disposizione costringeva tutti i docenti a portare a scuola dei propri computer su cui assegnare i compiti agli studenti. Solo dopo il fatto ogni professore dell’istituto è stato munito di un tablet personale offertogli dalla scuola.

Magari l’insegnante sarà stata un po’ pigra, sprovveduta, e quante se ne voglia, ma di certo la sospensione non sarebbe stata mai la giusta pena.

#FacceCaso.

Di Emanuele Caviglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0