Tempo di lettura: 1 Minuti

Storie di alternanza: un premio per ragazzi

Storie di alternanza: un premio per ragazzi

Arriva il premio Storie di alternanza, per tutti i ragazzi che vogliono raccontare la propria esperienza. Ehi voi, si mi rivolgo proprio a voi che av

5 modi per sfruttare l’alternanza scuola-lavoro a proprio vantaggio
Liceo bio-medico: una soluzione al test di medicina
Ecco la Carta dei diritti e doveri dell’alternanza

Arriva il premio Storie di alternanza, per tutti i ragazzi che vogliono raccontare la propria esperienza.

Ehi voi, si mi rivolgo proprio a voi che avete fatto un po’ di alternanza scuola-lavoro. Sapete che esiste un premio che si chiama Storie di alternanza? Esatto, un premio, per tutti coloro che hanno partecipato a questo periodo di lavoro e che vogliono raccontare cosa hanno fatto.

Storie di alternanza è un concorso che si rivolge a tutti i licei d’Italia e ovviamente, anche a tutte le scuole superiori indipendentemente dal loro indirizzo. Bene, l’iniziativa è già alla seconda edizione e durante la prima le testimonianze raccolte sono state poco meno di 300. Il progetto serve a raccontare, attraverso dei video, le esperienze dei ragazzi e come si sono aperti al mondo del lavoro. Qualche giorno fa si sono aperte le iscrizioni per il primo semestre del 2018 e gli elaborati potranno essere inviati entro il 20 aprile.

Quello che manderete potrà essere diviso in due categorie, licei e istituti tecnici e professionali e tutti gli studenti potranno partecipare singolarmente o in gruppo e la prima parte della gara si svolge localmente, nelle regioni mentre la seconda parte è a livello nazionale a cui partecipano solo i ragazzi che hanno superato la competizione locale.

Il premio può essere di qualsiasi tipo e, a disposizione degli organizzatori cioè la Unioncamere e le Camere di commercio, ci sono circa 5000€. Questi fondi potranno andare a costituire i premi per i migliori elaborati. A giugno 2018 ci sarà la premiazione dei vincitori, a Roma, ma anche a livello locale le Camere di Commercio potranno premiare i ragazzi più bravi.

Un modo per raccontare la propria esperienza insomma, che sia stata buona o cattiva. Un modo anche per far capire i punti positivi e negativi di questo progetto, di cui abbiamo parlato più volte (tipo qui).

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0