Tempo di lettura: 3 Minuti

In Lombardia l’ Università dei Sapori

In Lombardia l’ Università dei Sapori

Da settembre parte l’attività dell’ Università dei Sapori con corsi di alta formazione per chef, pasticceri, piazzaioli, barman. L’Università dei Sap

Futuro: cosa fare dopo la scuola?
Roma, altro fallimento: la burocrazia blocca Dinner in the Sky
Giovani chef calabresi si raccontano: young, carini e occupatissimi

Da settembre parte l’attività dell’ Università dei Sapori con corsi di alta formazione per chef, pasticceri, piazzaioli, barman.

L’Università dei Sapori, insieme all’Enoteca regionale della Lombardia in Oltrepò Pavese, è pronta a partire nella regione con un importante progetto enogastronomico.
Focus sulla creazione di un Centro per la valorizzazione dell’agroalimentare d’eccellenza, che darà parallelamente avvio a una grande proposta qualitativa nella specializzazione in figure enogastronomiche.

L’obbiettivo è la formazione specialistica avanzata e di alto livello, in modo che possano essere immediatamente inseribili nel mondo del lavoro.
Per queste figure infatti non si richiede più semplice competenza “in cucina” o al bancone, ma anche capacità gestionale, organizzativa e relazionale.
A tal proposito ci sarà una Scuola di Hospitality Management italiana. Programmi didattici, percorsi formativi, 4 lingue straniere, analisi della corretta gestione economica di sistemi ristorativi semplici e complessi. Ancora la conoscenza dei prodotti enogastronomici, i principi di nutraceutica e di cucina funzionale (alimentazione e salute).

Un’organizzazione a tutto tondo per edificare figure altamente professionalizzate che si possano interfacciare in tutto il mondo dell’alta ristorazione. Scoprite questo luogo dove l’occupazione professionalizzante si vive come ricerca individuale al servizio della qualità. Un settore eternamente in crescita, che valorizza ancora di più il Made in Italy in patri e nel mondo.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0