Olanda vs inquinamento 1-0

Olanda vs inquinamento 1-0

680 prodotti di un supermercato con imballaggi di solo vetro metallo e materiale compostabile, in Olanda si può. Pensa ad un numero grande, no più gr

Noi, Giovani pagati meno rispetto ai nostri coetanei nel mondo: il problema dell’Italia
Erasmus tra i licei in Europa. Partecipiamo con l’Amaldi
Influencer: l’antitrust dice basta a pubblicità occulte

680 prodotti di un supermercato con imballaggi di solo vetro metallo e materiale compostabile, in Olanda si può.

Pensa ad un numero grande, no più grande di quello a cui stai pensando, si dai ci sei quasi: otto miliardi e trecento milioni di tonnellate (800.300.000.000.000 kg) è quel numero enorme che nasce dalla somma della plastica prodotta fino al 2015. Non è possibile sapere quanta ne sia stata smaltita ma contando che ad oggi gli abitanti del mondo ammontano a 7,4 miliardi possiamo dire che sono stati prodotti 300 milioni di tonnellate cada uno. Ma l’Olanda sta cercando una soluzione.

Questi dati parlano da soli e qualcuno sta pensando a cambiare le cose, ci sono stati vari richiami da parte dell’UE a molti stati europei per la troppa produzione di materie plastiche ed il lento e talvolta assente smaltimento, ma i Paesi Bassi, in particolare la capitale di questi ha preso provvedimenti, quindi Faccecaso!

Ci troviamo ad Amsterdam, in uno dei supermercati della catena Ekoplaza che ha deciso in collaborazione con “A plastic planet” (associazione ambientalista) di creare un reparto comprendente circa 680 prodotti con imballaggi plastic free, ovvero plastica 0 sostituendola con materiali ecosostenibili o almeno che siano più facili da smaltire rispetto alla plastica.

Per adesso si tratta solo di un punto vendita che ha introdotto questo grande cambiamento ma il progetto consisterebbe ovviamente nell’estendere ciò ai 74 punti vendita. Qualche dubbio c’è soprattutto sul riscontro che questi prodotti avranno sul pubblico: ovviamente un imballaggio fatto da materiale compostabile costa di più di uno in plastica e i consumatori potrebbero preferire il prodotto dal prezzo minore ma il progetto prevede anche un’aumento di domanda di tali materiali ed il conseguente abbassamento dei prezzi.

Bellastoria vero?

#FacceCaso

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0