Tempo di lettura: 2 Minuti

Instant poll: l’affluenza dei giovani al voto

Instant poll: l’affluenza dei giovani al voto

Skuola.net ha rilasciato un instant poll sull’affluenza dei giovani alle urne. Vediamo cosa ne è uscito fuori. L’astensionismo non è stato il punto c

Elezioni 2018: i programmi “anti-giovani”
Elezioni 2018: ecco come ottenere sconti sui viaggi!  
Elezioni USA, la vittoria dei giovani e delle donne

Skuola.net ha rilasciato un instant poll sull’affluenza dei giovani alle urne. Vediamo cosa ne è uscito fuori.

L’astensionismo non è stato il punto chiave di questa elezione, anche perché le percentuali di votanti sono state abbastanza alte. Non altissime, sicuramente ma hanno superato le aspettative. Ma di che parliamo quando mettiamo insieme la parola giovani e astensionismo? C’è stato un instant poll di Skuola.net (ve lo linkiamo qui) che ha mostrato come hanno votato 9 ragazzi su 10.

Innanzitutto spieghiamo cos’è un instant poll, parliamo di un sondaggio lampo, di quelle fatte velocemente a chi esce da un seggio oppure fuori dalle scuole, quando non si vota. Sono quindi dati reali, ma facilmente suscettibili di cambi. Però possono comunque darci un’idea.

Bene, su 1000 ragazzi intervistati circa l’85% dei ragazzi ha votato, circa 10 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale. Parliamo precisamente di quelli tra i 18 e i 21 anni, che per ovvi motivi votavano per la prima volta. Il 47% dichiara di essere convinto di quello che ha votato, il 52% ha detto di non essere pienamente sicuro della scelta fatta al seggio. L’1%, invece, ha votato scheda bianca. Che comunque, ve lo ricordo, è sempre meglio che non andare per niente a votare.

Ma coloro che non sono andati a votare? Come la pensano? Le ipotesi sono tantissime, dal disinteressamento alla politica alla mancanza di fiducia. Fatto sta che il 15% di non votanti è comunque un dato preoccupante, soprattutto perché sono le prime volte che possono esprimere una preferenza.

Altro problema è quello del voto dei fuorisede, perché molti non sono potuti tornare a casa. Tra i prezzi altissimi di voli e treni e il ritardo di almeno un’ora di tutti i treni ad alta velocità, non tutti si sono presi la briga di tornare a casa. #Malemale

Da una parte è un dato positivo, ma dall’altra? C’è ancora qualche problemino.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0