Tempo di lettura: 2 Minuti

Università, la differenza la fanno…le materie

Università, la differenza la fanno…le materie

Un'azienda britannica ha pubblicato una classifica delle migliori università in base alle materie di punta. Italia presente, ci siamo anche noi. Mate

Nutella Café e ronzii misteriosi, TG USA is back in business!
Il liceo classico Dante di Firenze ha conservato per quasi un secolo 100 bobine dell’Istituto Luce
MIT technology review: sul palco tre italiani

Un’azienda britannica ha pubblicato una classifica delle migliori università in base alle materie di punta. Italia presente, ci siamo anche noi.

Materie forti, destini forti; materie deboli, destini deboli. La Quacquarelli Symonds (QS), azienda britannica specializzata in educazione e studio all’estero, ha di recente pubblicato la QS University Rankings, una classifica mondiale di università che viene aggiornata annualmente.

Si tratta di una delle tre graduatorie universitarie più famose al mondo e viene stilata valutando diverse categorie. Fra queste vengono prese in considerazione anche le materie di punta di ogni singolo ateneo.

Risulta quindi semplice risalire alle università che hanno ottenuto il punteggio più alto sulla base delle 48 aree tematiche prese in esame che includono Business, Medicina, Psicologia e Studi Classici.

Davanti a tutti troviamo l’Università di Harvard. Il celebre ateneo statunitense primeggia in ben 16 materie tra cui Medicina, Business e Psicologia. Completano il podio il Massachussets Institute of Technology (meglio noto come MIT) e Oxford.

Scorrendo la classifica troviamo anche un po’ d’Italia con il nono posto de La Sapienza che “va forte” in Storia Classica e Antica. Un risultato più che dignitoso per l’ateneo romano che è riuscito a lasciarsi alle spalle un’università illustre come quella di Cambridge, 15° grazie ad Antropologia.

Insomma, nonostante quel che si dice delle università nostrane alla fine non siamo messi malissimo. La presenza de La Sapienza nella Top 10 di questa graduatoria, infatti, è la prova che, come disse il commediografo britannico William Somerset Maugham, “la tradizione è una guida, non un carceriere”. E allora lasciamoci guidare.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0