Tempo di lettura: 3 Minuti

L’ Ue boccia l’Italia sull’università

L’ Ue boccia l’Italia sull’università

Troppi pochi laureati e fondi inferiori alla media. Ue inclemente nei confronti del nostro paese su tema universitario. Ue come professoressa severa

Credo360, l’app che realizza gli incubi di Black Mirror

Fisiologia che blocca gli studenti di Medicina: via l’esame di sbarramento ma non per tutti
Buone notizie dall’ISTAT sul fronte della disoccupazione

Troppi pochi laureati e fondi inferiori alla media. Ue inclemente nei confronti del nostro paese su tema universitario.

Ue come professoressa severa e Italia quale studente indisciplinato, il quadro che si delinea sul tema dell’università è più o meno il seguente.
Un voto in pagella basso per il mondo accademico italiano insomma. Il rapporto 2018 della Commissione europea ha analizzato come troppo bassi i numeri riguardo laureati e risorse destinate all’istruzione universitaria. Dall’altra parte si nota un miglioramento sulla qualità media, che però non copre il rallentamento messo in luce dal sopracitato rapporto.

Rallentamenti sulla chiamata diretta e la mobilità dei docenti ancora insufficiente rispetto ai nostri competitors europei.
I due problemi sono quelli evidenziati in prima battuta. Le risorse che finanziano tale campo sono davvero minime, lo 0,4% del Pil.
Poi il numero dei laureati, che sulla quota 30-34 anni viaggia sul 26,2%, contro il 39,1% di media Ue.

Anche sulla scuola la Comunità Europea non risulta così clemente. Sempre in un clima di parziali miglioramenti, i problemi riguardano la spaccatura nazionale. Ai vertici Ocse gli studenti del Nord Italia, nel fondo quelli del Sud.
L’analisi è comunque molto complessa, ma rimarca comunque problemi endemici e storici della nostra istruzione, sia sul piano universitario che scolastico.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0