Tempo di lettura: 2 Minuti

A scuola di agricoltura ecologica

A scuola di agricoltura ecologica

Riapre la "Scuola diffusa della terra Emilio Sereni"; scopriamone insieme tutte le novità. Una scuola a mira di agricoltura ecologica. Dal 19 marzo a

Avvocato, Dottore… No grazie, mi butto nell’ agricoltura
Progetto Frutta nelle Scuole: da Settembre si torna a mangiare bene
Oscar Green 2016: la Liguria sforna giovani e abili agricoltori

Riapre la “Scuola diffusa della terra Emilio Sereni”; scopriamone insieme tutte le novità. Una scuola a mira di agricoltura ecologica.

Dal 19 marzo al 20 aprile, rivolto a 15 partecipanti sotto i 40 anni provenienti da tutta Italia. Comincerà il secondo ciclo di formazione teorica e pratica in agricoltura ecologica.
Questo progetto, ideato dall’ “Associazione Terra!”  con lo scopo di supportare i giovani futuri agricoltori. La modalità consiste nell’approvazione di un progetto orientato alla sostenibilità e all’innovazione.

La prima lezione si svolgerà il 19 marzo, a Roma, nella Città dell’Altra Economia alle 17.30, tenuta dal professor Gabriele Dono; gli argomenti su cui verterà la sua spiegazione sono agricoltura e cambiamenti climatici.
Perché però scegliere proprio la scuola Emilio Sereni? Semplice. Perché è la prima in Italia a tenere in considerazione tutti gli aspetti che legano l’uomo alla natura e alla coltivazione della terra. A supporto di ciò sono previste lezioni che vanno dalla zootecnia alla parte agraria, dalla permaculture al recupero delle specie autoctone in via d’estinzione, dalla conservazione dei saperi tradizionali agli aspetti gestionali di un’azienda.

Entrando nello specifico, sono previsti sei cicli di informazione in quattro anni, con 90 giovani formati in totale e 18 tirocinanti destinatari di borsa di lavoro. La formazione teorica varia da gestione e valorizzazione delle risorse naturali e strategie e tecniche di agricoltura, a sviluppo e marketing, ricerca fondi e creazione di reti di vendita.

Nella fase di tirocinio, gli allievi migliori continueranno il loro percorso approfondendo i contenuti della formazione e sviluppando competenze utili e spendibili nel settore primario. A suo vantaggio la scuola Emilio Sereni può contare su un Comitato Scientifico vario e qualificato, composto da agronomi, biologi, docenti, scienziati, ambientalisti di profilo nazionale, e sull’esperienza di tre aziende agricole partner del progetto.

#FacceCaso

Di Emanuele Caviglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0