Tempo di lettura: 1 Minuti

Strumenti musicali, bonus anche per il 2018

Strumenti musicali, bonus anche per il 2018

Esteso al 2018 il bonus d’acquisto per strumenti musicali dedicato a studenti iscritti a corsi inerenti. Scopriamo in cosa consiste. Arriva una buo

App 2018, le migliori per Google Play
Crimini, ricordo e coscienza: a Palermo per non dimenticare la Shoah
Maturità 2018, ecco la seconda prova per tutti gli indirizzi

Esteso al 2018 il bonus d’acquisto per strumenti musicali dedicato a studenti iscritti a corsi inerenti. Scopriamo in cosa consiste.

Arriva una buona notizia per gli studenti alle prese con strumenti musicali di ogni genere. Infatti il bonus sull’acquisto di questi ultimi è stato esteso anche per il 2018.

L’Agenzia delle Entrate ha così definito: “Per gli acquisti effettuati nel 2018, il contributo spetta agli studenti in regola con il pagamento delle tasse e dei contributi dovuti per l’iscrizione all’anno 2017-2018 o 2018-2019, per un importo non superiore al 65% del prezzo, per un massimo di 2500 euro”.

Ovviamente parallelamente a questo rinnovato provvedimento, utile a supportare le spese di gestione della strumentistica, è stato aggiornato l’elenco degli istituti musicali ricollegabili all’agevolazione.

Il Fisco prosegue nello spiegare l’aggiornamento: “Il bonus viene prorogato per gli acquisti di strumenti musicali nuovi effettuati nel 2018 da parte degli studenti iscritti ai licei musicali, corsi pre accademici, corsi del precedente ordinamento e corsi di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica”.

In sostanza come si può ottenere tale agevolazione? Il contributo è dovere del rivenditore distribuirlo a chi lo richiede sotto forma di sconto, pari al 65% del prezzo finale per un massimo di 2500 euro.
Spetterà poi a questo contestare il rimborso presso l’Agenzia. Questo sconto infatti per il rivenditore o produttore, come precisato dal Fisco, diventa un credito d’imposta nel limite di spesa di 10 milioni di euro.

Un bel vantaggio insomma per tutti gli studenti che devono far fronte a ingenti spese.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0