Tempo di lettura: 3 Minuti

Concorso insegnanti: la carica dei 50.000

Concorso insegnanti: la carica dei 50.000

Dati e tante curiosità sulla modalità e i partecipanti del concorso insegnanti. Scopriamo meglio tutti i dettagli e il piano del Miur! Recentemente,

5 App per nascondere file privati sul tuo smartphone
Apple, Store e ecommerce, alcune novità da internet
Numero chiuso e UniMilano: com’è andata a finire?

Dati e tante curiosità sulla modalità e i partecipanti del concorso insegnanti. Scopriamo meglio tutti i dettagli e il piano del Miur!

Recentemente, gli aspiranti docenti hanno fatto domanda per partecipare ad un concorso in grado di fornire loro la tanto agognata abilitazione.
Per arrivare al traguardo, i partecipanti sosterranno una prova orale e saranno inseriti in una graduatoria di merito, di cui fanno anche parte sia i titoli posseduto sia il servizio pregresso.

Immaginavate che il sud è la parte d’Italia da cui sono arrivate le maggiori richieste? Il mezzogiorno conta infatti 23.476 domande, seguito dal nord con 17.036 e dal centro con 9.389.
Sapevate invece che la Campania è la regione d’Italia col record di istanze inoltrata? Ben 7.532 richieste provengono da lì, che precedono le 7..161 della Lombardia e le 6.340 della Sicilia.

Altra curiosità: la maggior parte degli aspiranti insegnati è di sesso femminile e l’età media dei partecipanti è di 43 anni.
Potevano presentare domanda anche i docenti già di ruolo, e infatti si contano 10.404 richieste da insegnanti di sostegno delle scuole superiori e abilitati in storia, geografia ed italiano per le medie.
Chi passerà la prima parte del concorso, dovrà in seguito superare con una valutazione positiva un anno di formazione e tirocinio per la definitiva ammissione in ruolo.

Il bando fa parte di uno degli otto decreti attuati dalla legge 107 del 2015, che ha ridisegnato il modo di diventare insegnanti. Questo nuovo metodo prevede anche una fase transitoria, in cui il primo passo è rappresentato dal concorso per gli abilitati. Lo seguiranno infatti sia il bando per gli insegnanti iscritti nelle graduatorie di istituto non abilitanti ma con tre anni di servizio, e quello per i neo-laureati.

Beh, in questi casi che dire: buona fortuna a tutti!

#FacceCaso

Di Emanuele Caviglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0