Tempo di lettura: 2 Minuti

“Sono una zingara e una di cui fidarsi”

Una ragazza gitana (o zingara), ma anche un po' spagnola, ha lanciato una sfida sui social molto particolare. Zingara. Questa parola è un insulto orm

Laurea: 5 consigli per affrontare l’ansia da prestazione
Lo sviluppo della facoltà di giurisprudenza nelle università delle Marche
Tutto quello che devi sapere sul sonno

Una ragazza gitana (o zingara), ma anche un po’ spagnola, ha lanciato una sfida sui social molto particolare.

Zingara. Questa parola è un insulto ormai, no? Come anche Rom. C’è questa ragazza che, fiera delle sue origini, ti vuole proprio far credere il contrario. Si chiama Amanda, ed è una gitana, parola spagnola (come anche italiana) che da tempo indica le persone di etnia Rom che vivono in Andalusia da almeno 600 anni.

Amanda ha deciso di fare una cosa, per combattere l’ignoranza e il razzismo nei confronti della sua gente. Su Twitter ha annunciato che dopo aver ricevuto almeno 10 milioni di consensi si sarebbe tatuata sul braccio la frase: Soy Gitana y no soy de fiar, ovvero sono gitana e non sono una di cui fidarsi.

Le sono bastate pochissime ore per ricevere quei 10 milioni di consensi, anzi ne ha ricevuti quasi 27 milioni. In tutta risposta, dopo aver fatto il tatuaggio originale, Amanda, si è cancellata quel “no” dalla frase con una croce, facendo diventare quel tatuaggio un poi diverso. Sono zingara e una di cui fidarsi.

L’iniziativa è stata poi inserita nella campagna pubblicitaria #Eltatuajequemasduele (#Iltatuaggiochefapiùmale), una campagna di sensibilizzazione nei confronti dell’etnia gitana. Il tatuaggio che fa più male non è quello sulla pelle, ma quello sul cuore. Quello provocato da tanti anni di “diversità” dovuta agli sguardi degli altri.

Una campagna dura ma efficace, che vuole portare alla luce le difficoltà in cui si trovano coloro che sono della stessa etnia di Amanda e che in Spagna, come anche in altri paesi, sono costretti a subire il razzismo delle altre persone.

Un tatuaggio denso di significato, quello di Amanda e di tante altre persone che hanno partecipato alla campagna pubblicitaria. Un gesto forte che sicuramente non spegnerà il razzismo ma che potrebbe dargli un pugno in faccia, bello forte.

#Bellastoria

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0