Tempo di lettura: 2 Minuti

A Trento nasce la prima laurea per fare previsioni meteo

A Trento nasce la prima laurea per fare previsioni meteo

Nasce il primo corso di laurea in Meteorologia ambientale in Italia, in collaborazione con l’università di Innsbruck. #FacceCaso. Se il tuo sogno da

Whatsapp si fa le emoji da sola
Consegna certificati vaccini entro il 10 settembre
Salvini contro la Cattolica: “Ci hanno censurato”

Nasce il primo corso di laurea in Meteorologia ambientale in Italia, in collaborazione con l’università di Innsbruck. #FacceCaso.

Se il tuo sogno da bambino era quello di fare previsioni meteo e andare in TV come il colonnello Bernacca, l’università di Trento sta per realizzarlo.

Nasce il primo corso di laurea in Meteorologia ambientale in Italia, in collaborazione con l’università di Innsbruck.

La laurea magistrale, interamente in lingua inglese, partirà dal prossimo anno accademico 2018/19 dopo il via libera ministeriale. L’accesso sarà a numero chiuso e nel primo anno di attivazione si prevedono 30 posti. Tra i requisiti necessari per l’ammissione al corso per gli amanti del meteo, un’adeguata preparazione in matematica, fisica e chimica.

Dopo la laurea, gli studenti conseguiranno un titolo valido sia in Italia, sia in Austria: la Laurea magistrale in Environmental Meteorology dell’Università di Trento e il Master of Science dell’Università di Innsbruck.

“Con questa nuova laurea magistrale vogliamo proporre un percorso formativo basato su competenze di base solide, interdisciplinari, maturate in una prospettiva internazionale, grazie alla stretta collaborazione transfrontaliera tra Trento e Innsbruck. Per ottenere previsioni il più possibile precise bisogna investire continuamente su due binari paralleli: strumentazioni all’avanguardia e professionisti formati e aggiornati. Per quanto riguarda la tecnologia si stanno creando software sempre più sviluppati e precisi e sistemi di sonde, radar, satelliti e radiosondaggi che producono dati estremamente accurati. Questi dati però da soli non bastano, c’è bisogno infatti dell’analisi di un professionista per dare valore alle previsioni”.

Spiega il responsabile del corso di studi, Dino Zardi del gruppo di ricerca di Fisica dell’atmosfera del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0