Tempo di lettura: 1 Minuti

In una scuola di Padova il cellulare è vietato

In una scuola di Padova il cellulare è vietato

“I docenti sono caldamente pregati di osservare e far rispettare la seguente disposizione se si ritiene necessario porre un limite all’utilizzo del ce

Lucia Olivieri è Miss Liceo 2018
Penultima in Europa per numero di laureati: la tragedia dell’Italia
Industria 4.0: accordo tra l’Università di Pisa e Confindustria Toscana Nord

“I docenti sono caldamente pregati di osservare e far rispettare la seguente disposizione se si ritiene necessario porre un limite all’utilizzo del cellulare in classe”. #FacceCaso.

In una scuola di Padova è stato vietato l’utilizzo dei cellulari. I dispositivi elettronici dovranno essere consegnati in prima ora e restituiti a fine lezione.

A rendere ufficiale la notizie, una circolare della scuola che riporta.

“Considerato l’enorme numero di note disciplinari assegnate agli studenti a causa di un abuso del cellulare, a far data dal 20 marzo 2018 tutti gli studenti sono tenuti all’inizio delle lezioni a depositare il proprio cellulare, spento, nel mobiletto in classe o nel contenitore che verrà assegnato alla classe. Il docente della prima ora chiuderà a chiave il mobiletto o contenitore. Al termine delle lezioni, sotto il controllo del docente dell’ultima ora, gli alunni riprenderanno il proprio cellulare”.

La circolare prosegue. “I docenti sono caldamente pregati di osservare e far rispettare la seguente disposizione se si ritiene necessario porre un limite all’utilizzo del cellulare in classe. Si controllerà l’eventuale possesso di due cellulari, ovviamente non ammessi”.

L’incarico dei collaboratori scolastici sarà quello di “recuperare, conservare e riconsegnare al termine dell’ultima ora le chiavi dei mobiletti”. Dovranno poi “raccogliere gli eventuali contenitori chiusi a chiave e depositarli in vice presidenza”.

Giocheranno un ruolo importante anche le famiglie.

“Si chiederà ai signori genitori di collaborare, invitando i loro figli a rispettare le regole dell’istituto per la serenità di tutti”.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0