Tempo di lettura: 2 Minuti

Che ci succede quando siamo online?

Che ci succede quando siamo online?

Essere online è bellissimo. Ma perché ci comportiamo in modi diversi dal solito? Diciamolo, i social sono qualcosa di bellissimo e soprattutto di mol

The Shukran, il social con tutti i religiosi
Iscrizione a scuola, come fare? Il passaggio da un ciclo all’altro online dal 9 Gennaio
Filosofia alle elementari? Si può con Farfilò

Essere online è bellissimo. Ma perché ci comportiamo in modi diversi dal solito?

Diciamolo, i social sono qualcosa di bellissimo e soprattutto di molto potente. Ma hai notato che online ci comportiamo in un modo diverso rispetto al nostro carattere abituale? Io per esempio sono molto restia a parlare delle mie posizioni politiche o etiche con gli sconosciuti. Eppure sui social ho sempre voglia di rispondere alle persone che hanno un’opinione diversa dalla mia.

Non sono un leone da tastiera, perché se devo litigare lo faccio anche davanti ad una persona fisica. Ma i leoni da tastiera esistono e negli ultimi anni stanno invadendo sempre di più il mondo dei social. Perché? Sicuramente la sensazione di rimanere impuniti dicendo qualsiasi cosa. Sotto i post di alcuni politici si leggono minacce di morte a cui nessuno sembra dare peso, ma non può essere così. È come se le persone si sentissero onnipotenti.

Allo stesso tempo i social fanno sì che tutti possano condividere le proprie opinioni con tutti. Online ognuno è libero di fare quelle chiacchierate che prima si facevano solo al bar. Possiamo mostrare al mondo chi siamo, come la pensiamo e cosa facciamo. Ma davvero questa cosa può tornarci utile?

Il web, poi, è come una grande cassa di risonanza. Un post, se diventa virale, attraversa l’Italia da Nord a Sud. Ho visto persone del mio paese condividere annunci di altre persone scomparse vicino Milano, cioè a 600km di distanza.

Da una parte l’essere virale può essere negativo, dall’altra parte invece può essere un modo per portare avanti delle battaglie importanti. Pensa alla March for our lives (di cui abbiamo parlato anche qui), quella contro le armi negli Stati Uniti. Grazie al mondo online è riuscita ad arrivare dappertutto e a trovare l’appoggio di milioni di persone.

Il web ci sta migliorando, ma siamo sicuri che non stia facendo anche il contrario?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0