Tempo di lettura: 3 Minuti

Scientifico senza latino? Bene ma non benissimo

Scientifico senza latino? Bene ma non benissimo

Lo scientifico senza latino sta avendo un boom di iscritti. Ma non è tutto oro quello che luccica. Mio fratello è al quarto anno di liceo scientifico

Batterie ricaricate in 20 minuti, Samsung ci prova
Che ci succede quando siamo online?
Fenomeno Hikikomori : ragazzi chiusi in casa con Internet

Lo scientifico senza latino sta avendo un boom di iscritti. Ma non è tutto oro quello che luccica.

Mio fratello è al quarto anno di liceo scientifico e l’unica cosa di cui si lamenta è il latino. Dice che è troppo difficile, che è inutile e che non ne vede nessuna importanza, soprattutto dato che dopo vorrebbe fare ingegneria. Dall’altro lato, invece, ci sono i ragazzi che frequentano il liceo scientifico delle scienze applicate, quello senza latino e con più informatica. Loro sono tantissimi, peccato che l’indirizzo più importante della riforma Gelmini non stia andando molto bene.

Per carità, gli iscritti sono tantissimi. I ragazzi che scelgono di fare quello tradizionale sono il 15% mentre l’8% sceglie quello delle scienze applicate, molti meno, invece, scelgono il classico tradizionale. Il latino può essere il motivo di questo alto numero di iscritti? Forse sì.

Ma c’è un altro problema, la materia di punta dovrebbe essere l’informatica. Ma non ci sono abbastanza professori che riescono ad insegnarla. Le scuole non hanno materiale sufficiente per garantire ai ragazzi uno studio dell’informatica adeguato a quello che dovrebbero imparare.

Ovviamente, le situazioni sono diverse da scuola a scuola ma dato che questo tipo di liceo è stato inserito nel 2010 dopo otto anni non è proprio un grande traguardo aver risolto il problema delle cattedre.

Forse è giusto smettere di insegnare latino o forse no; l’importante però è cercare di integrare quello che una materia così importante potrebbe dare ad un ragazzo con un’altra materia. Come l’informatica, o il potenziamento della matematica, o ancora quello della fisica e delle scienze.

Togliere qualcosa per potenziare qualcos’altro, questo dovrebbe essere l’obiettivo di una riforma della scuola, non trovi?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0