Avicii e il Club 27+1

Avicii e il Club 27+1

Gli inglesi lo chiamano Club 27, in questo caso Club 27+1, un’espressione che si riferisce agli artisti, spesso cantanti rock, morti all'età di 27 ann

Un altro caso di accoltellamento a scuola
Usa on the road, il tour di Zuckerberg che sa di campagna politica
Declino Università, ecco la soluzione

Gli inglesi lo chiamano Club 27, in questo caso Club 27+1, un’espressione che si riferisce agli artisti, spesso cantanti rock, morti all’età di 27 anni.  #FacceCaso.

Il dj svedese Tim Bergling, noto al mondo come Avicii ha perso la vita venerdì 20 aprile, mentre si trovava a Mascate, in Oman: aveva 28 anni. 

Se hai più o meno la mia età ti sarà capitato almeno una volta di ballare le sue canzoni. Avicii è passato alla storia per successi del calibro di “Levels” o “Wake me up” ma di recente aveva già detto di volersi ritirare dalle esibizioni dal vivo per problemi di salute e per stress. 

Non troppo tempo fa aveva infatti sofferto di pancreatite acuta, in parte dovuta all’abuso di alcol. Purtroppo non è il primo artista ad aver perso la vita così giovane. 

Gli inglesi lo chiamano Club 27, in questo caso Club 27+1, un’espressione che si riferisce agli artisti, spesso cantanti rock, morti all’età di 27 anni.  

Jimi Hendrix è morto il 18 settembre 1970, soffocato da un cocktail di alcool e tranquillanti. Kurt Cobain si è suicidato il 5 aprile 1994. Amy Winehouse è morta per presunto abuso di alcool il 23 luglio del 2011. Tutti a 27 anni. 

Uno studio condotto dal Centre for Public Health della Liverpool John Moores University e pubblicato sul giornale online Bmj Open, conferma che i musicisti con il vizio degli eccessi muoiono davvero prima dei comuni mortali. Sesso, droga e morte prematura sono fenomeni collegati tra loro. 

Chiamala coincidenza, caso, destino, quel che è certo è che depressione, droga e alcol sono fenomeni ricorrenti nella vita di artisti di fama mondiale. Ciao Avicii. 

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0