Tempo di lettura: 1 Minuti

Complimenti a Giorgia Carosso per aver vinto il “Certame Fenogliano”

Complimenti a Giorgia Carosso per aver vinto il “Certame Fenogliano”

Le premiazioni si sono svolte sabato 21 aprile nella biblioteca del Liceo Classico “G. Govone di Alba". #FacceCaso. Giorgia Carosso del Liceo Scienti

Il MIUR alza il numero di assunzioni di docenti nei prossimi 10 anni da 76 a 80 mila
Medicina 2017: finalmente online la graduatoria nazionale
Armare i docenti contro le stragi a scuola: la soluzione di Trump lascia di stucco

Le premiazioni si sono svolte sabato 21 aprile nella biblioteca del Liceo Classico “G. Govone di Alba”. #FacceCaso.

Giorgia Carosso del Liceo Scientifico “F. Vercelli” di Asti ha vinto il primo premio di 500 euro messo in palio dal Comune di Alba per la terza edizione del “Certame Fenogliano”.

La gara è rivolta agli studenti degli ultimi tre anni del liceo che dovranno scrivere un testo che quest’anno è ispirato ad “Una questione privata” dello scrittore Beppe Fenoglio.

La medaglia d’argento è stata conquistata da Federico Perna, sempre del Vercelli di Asti.

Le premiazioni si sono svolte sabato 21 aprile nella biblioteca del Liceo Classico “G. Govone di Alba”.

L’evento, organizzato dal Liceo Classico “G. Govone” in collaborazione con il Comune di Alba, ha visto la partecipazione dell’Associazione ex Allievi Liceo Classico Govone, la Banca d’Alba e Fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero.

Il Sindaco Maurizio Marello ha detto.

“Grazie per questa iniziativa. Beppe Fenoglio è molto apprezzato dai giovani proprio perché nei suoi racconti si è occupato di loro, è stato un partigiano, ha scritto dei deboli, del male, della sofferenza durante la seconda guerra mondiale. In questi giorni celebriamo la Liberazione. Alba è imbandierata per ricordare il 15 aprile del 1945 quando i partigiani scesero dalle colline per riconquistare la città. In questi giorni noi ricordiamo quel periodo tragico che ha coinvolto i nostri ragazzi, le menti migliori, gli intellettuali ed i professori che insegnavano in questo liceo e che hanno formato anche le coscienze di quei ragazzi che ad un certo punto lasciarono i libri per salire sulle colline a combattere per la democrazia e la libertà”.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0