Tempo di lettura: 2 Minuti

LUISS Contest: niente curriculum per un tirocinio

LUISS Contest: niente curriculum per un tirocinio

LUISS Contest: quando i ragazzi si mettono in moto per aiutare gli altri. Alla LUISS Guido Carli sta per iniziare un progetto importante, organizzato

Ultimo giorno di scuola?! Ecco come festeggiano i ragazzi!
Dove va a finire il famoso contributo volontario?
Top 9 gite scolastiche peggiori della storia

LUISS Contest: quando i ragazzi si mettono in moto per aiutare gli altri.

Alla LUISS Guido Carli sta per iniziare un progetto importante, organizzato dagli studenti per tutti i ragazzi che vogliono partecipare. Si chiama LUISS Contest e permette a tutti di vincere un tirocinio senza presentare il curriculum, che vuol dire? Ora te lo spiego.

Il LUISS Contest nasce qualche anno fa, dall’idea di un ragazzo che non voleva legare l’idea di un tirocinio a quella di un curriculum già bello pieno. All’inizio si chiamava SP Contest, perché riguardava solo i ragazzi di scienze politiche. Oggi il progetto è riconosciuto dall’università ed è riuscito a coinvolgere i ragazzi di tutti i dipartimenti, da Economia e management a Giurisprudenza, passando per Economia e Finanza.

Come funziona? Semplice. Dopo la conferenza di presentazione, che si terrà domani (trovate tutte le info qui), verrà pubblicato il bando in cui vengono spiegate le aziende partecipanti e i tirocini disponibili. Per partecipare non c’è bisogno di inviare nessun curriculum, ogni azienda o ente deciderà un tema e su questo i ragazzi devono fare un elaborato.

Esatto, spazio alla creatività e i curriculum vanno nel cassetto. L’elaborato può essere video, scritto o una presentazione Power Point, a seconda di quello che richiede l’azienda. I tirocini sono di solito divisi tra studenti della triennale e della magistrale, ma i requisiti sono quelli, al massimo si richiede una lingua straniera.

Un metodo creativo per iniziare a scrivere il proprio CV senza nessuna vergogna. Nessuno viene giudicato in base alle esperienze passate ma solo in base al lavoro che viene svolto. Dopo la chiusura del bando, i ragazzi migliori verranno chiamati per un colloquio, e anche qui non c’è bisogno di esperienza. Alla fine sono le aziende a selezionare i vincitori, che potranno iniziare il loro tirocinio.

Forse mi sono dimenticata di dirti la cosa più importante, l’università non gestisce questa cosa, è un progetto fatto da ragazzi e totalmente organizzato da nostri coetanei. Non è bellissimo?

Psss, se vuoi dei trucchi per il CV perfetto, guarda qui.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0