Tempo di lettura: 1 Minuti

Le app d’incontri per ricchi

Le app d’incontri per ricchi

Esistono app d'incontri per miliardari, milionari e persone esclusive. I Tinder versione lusso spopolano in America e non solo… Le app d’incontri son

Con fratelli maggiori è più probabile essere gay?
San Valen… Tipo da Marmo + iLive Music!
Yalp: l’app per tradurre la musica in accordi.

Esistono app d’incontri per miliardari, milionari e persone esclusive. I Tinder versione lusso spopolano in America e non solo…

Le app d’incontri sono molto usate negli ultimi anni. La più famosa è sicuramente Tinder, ma ne esistono vari tipi e versioni a seconda dei “gusti”.
Ad esempio sul mercato esistono piattaforme di questo tipo legate alla classe sociale di appartenenza, che limitano l’accesso in base al proprio reddito. Una sorta di club esclusivi versione online, in cui si può entrare e fare “swipe” sono se si possiedono determinate condizioni.

Tra i più famosi di questi servizi negli Stati Uniti sono riconosciuti The League, Luxy, Sparkology o Raya. Accesso solo ai ricchi attraverso una selezione.
C’è chi dice siano emblema di una nuova diseguaglianza, ma di fatto rispecchiano l’attuale domanda di mercato.

Un esempio arriva da una ragazza americana, Tracy Thomas, che a Bloomberg ha voluto raccontare la relazione nata proprio con The League. “Era importante per me, che la persona con cui uscivo fosse istruita e motivata e soprattutto avesse i miei stessi obiettivi”. Il riferimento è chiaro, e l’app era appena stata lanciata, nel 2015, come startup.

Ci si trova della stessa classe sociale, esiste perfino una waiting list d’acesso, tipo i locali esclusivi, in cui si viene selezionati da un algoritmo che calcola carriera, ambizioni, istruzione e interessi.

Ad oggi ad esempio l’app ha 300mila utenti attivi e 500mila in lista d’attesa! Il tasso d’ammissione è del 20-30%.

Più mirata ai soldi è poi Luxy, che necessita di verificare se si è milionari, e che infatti dichiara di avere almeno della metà degli utenti con reddito superiore ai 500mila dollari l’anno.

Un sistema diseguale per molti, ma che ben rispecchia le nuove richieste di una società spacca tra super ricchi e persone comuni.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0