Tempo di lettura: 3 Minuti

Laurea triennale vs laurea specialistica: le 5 differenze che fanno la differenza

Laurea triennale vs laurea specialistica: le 5 differenze che fanno la differenza

Spesso tendiamo a considerare la laurea triennale e la laurea specialistica due tappe dello stesso percorso ma le differenze esistono. Eccovene 5. La

L’iPhone X viene costruito sfruttando gli studenti cinesi: assurdo!
Ecco il Social Dinner di Capitanata!
Scuole, la fibra è tanta roba: arriva un progetto che strizza l’occhio al web

Spesso tendiamo a considerare la laurea triennale e la laurea specialistica due tappe dello stesso percorso ma le differenze esistono. Eccovene 5.

La laurea triennale e la laurea specialistica sono sicuramente due dei momenti più importanti della nostra vita. Alcuni le considerano due tappe di un percorso unico ma in realtà le differenze tra l’una e l’altra esistono e sono anche abbastanza sostanziali.

In questo articolo ne prenderemo in considerazione alcune, 5 per la precisione, ma vi assicuriamo che sono molte di più e hanno tutte la stessa incisività sotto l’aspetto psicologico. Ma andiamo con ordine e vediamo quelle che secondo noi sono più evidenti:

1) Il gioco si fa duro.

L’inizio del percorso che vi porterà a conseguire la vostra laurea specialistica segnerà inevitabilmente la fine del periodo delle cavolate. Da ora in poi farete sul serio, con un occhio ai libri (sempre più difficili da studiare) e l’altro al mondo del lavoro.

2) Vita sociale ciaone.

All’impegno sempre più costante che richiederà il vostro studio si aggiungerà anche l’esigenza di essere economicamente indipendenti. E allora inizierete a guardarvi intorno in cerca di qualche lavoretto presumibilmente serale e direte addio (o quasi) alle care vecchie uscite con gli amici.

3) Gioventù bruciata.

All’Università si sa, si incontra gente di tutti i tipi e si confondono ragazzi appartenenti quasi a generazioni differenti. E così vi imbatterete in studenti del primo anno della triennale, sorridenti e felici perché ignari di ciò che li aspetterà quando saranno al vostro posto.

4) Ansia da prestazione e da…disoccupazione.

“In Italia non c’è lavoro, vattene all’estero”. Quante volte avrete sentito questa frase durante il vostro corso di laurea triennale. Beh, preparatevi perché più vi avvicinate alla laurea specialistica più la sentirete. Quindi munitevi di tappi e fate finta di niente se volete sopravvivere all’ansia da disoccupazione.

5) Vedi la flamme rouge, sei quasi alla fine

Quando il vostro percorso di studi sarà quasi finito vivrete sensazioni contrastanti; da un lato soddisfazione per il traguardo quasi raggiunto, mentre dall’altro incertezza e paura per ciò che verrà dopo. Ma non pensateci, godetevi il momento e siate fieri di voi, le preoccupazioni lasciatele per dopo.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0