Tempo di lettura: 2 Minuti

Libera Spiaggia: un progetto di un gruppo di ragazzi che vuole cambiare le cose

Libera Spiaggia: un progetto di un gruppo di ragazzi che vuole cambiare le cose

Libera Spiaggia nasce da un'idea e diventa una realtà molto forte. I giovani che si adoperano per mantenere in un buono stato un bene comune: #Bellast

Guardia di Finanza e Università, firmate le convenzioni in Lombardia
“La storia di Ale” finalista a “Uno sguardo raro”
Caffè, tutta salute! Ecco gli effetti anti cancro

Libera Spiaggia nasce da un’idea e diventa una realtà molto forte. I giovani che si adoperano per mantenere in un buono stato un bene comune: #Bellastoria!

Piace a tutti la spiaggia libera e quindi non sarebbe l’ora di liberare la spiaggia da tutto ciò che strani individui con due braccia e due gambe ci lasciano?

Questa volta siamo a Rosignano Solvay in provincia di Livorno proprio nel mio paesino che non sarà il massimo ma c’è proprio una bella storia da raccontare. I protagonisti sono i membri di Libera Spiaggia che hanno deciso di rispondere sì alla domanda soprascritta e di ripulire le spiagge da tutti i rifiuti che vengono lasciati sulla sabbia che altrimenti andrebbero in mare portando non pochi danni.

Lasciamo la parola a Matteo Gavarini che ci racconterà qualcosa di più su questa bellissima iniziativa.

“Libera spiaggia nasce da me: una sera dell’estate scorsa ero a sedere sugli scalini di Caletta e chiaccheravo con Giulia (la mia ragazza) di quanto mi facevano arrabbiare le migliaia di cicche che trovi inevitabilmente sulla spiaggia: senza pensarci troppo la mattina dopo ci siamo alzati all’alba per andare sul mare a togliere tutta la spazzatura e farci un bagno una volta gettati i sacchi. Mi hai chiesto se con maggiori sanzioni o se con più cassonetti dislocati in vari punti la situazione ambientale potesse migliorare, sicuramente sì ma l’educazione è altro: basti pensare che se una persona, anche solo una volta, partecipa ad un nostro evento, in futuro (son sicuro) ci penserà due volte prima di gettare una cartaccia sulla spiaggia. Sono convito che sia piú importante dare l’esempio piuttosto che mettersi a discutere o litigare con coloro che non rispettano l’ambiente. Colpisce di piú una persona che, in silenzio e serenamente, toglie una cicca (non sua!) dalla spiaggia che quella che inveisce contro chi l’ha gettata”.

E se anche tu hai voglia di tenere pulito un pezzettino di tappeto blu, segui le nostre indicazioni:

-Segui Libera Spiaggia su Facebook e Instagram

-Tieni d’occhio i loro eventi: qualche giorno prima scriveranno quale fortunata spiaggia sarà lustrata e quando.

-Se vuoi prenderne parte scrivi alla pagina oppure direttamente a chi ha parlato con noi in questa intervista Matteo Gavarini

Guanti, sacchi e magliette offerte dalla casa!

“Prendiamoci cura del nostro mare perché unisce i nostri cuori e stimola la nostra fantasia. Rispettiamolo”.

Libera Spiaggia,

FacceCaso

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0