Tempo di lettura: 3 Minuti

The Florence Experiment: scienza e arte insime per un esperimento sulle piante

The Florence Experiment: scienza e arte insime per un esperimento sulle piante

Di che si tratta? Di due mega scivoli di 20 metri, perfettamente simmetrici, piante rampicanti (glicini) sulla facciata di Palazzo Strozzi e un labora


Niscemi: il preside Cannizzo fa un passo indietro
Un ragazzo di 14 anni perde la vita per colpa del meningococco. Ciao Mirco
Rifare la maturità? Non credo proprio!

Di che si tratta? Di due mega scivoli di 20 metri, perfettamente simmetrici, piante rampicanti (glicini) sulla facciata di Palazzo Strozzi e un laboratorio d’analisi nella Strozzina. #FacceCaso.

Ieri mi trovavo a Firenze per un matrimonio. Girovagando per la città in questi giorni, oltre alle tappe obbligatorie da turista, mi sono imbattuta in una mostra davvero particolare. Dal 19 aprile al 29 agosto, presso la Fondazione Palazzo Strozzi, si terrà The Florence Experiment un’istallazione che unisce piante e arte, ideato da un’artista-scienziato, Carsten Höller e il fondatore della neurobiologia vegetale, il professore Stefano Mancuso.

Di che si tratta? Di due mega scivoli di 20 metri, perfettamente simmetrici, piante rampicanti (glicini) sulla facciata di Palazzo Strozzi e un laboratorio d’analisi nella Strozzina. 

La cosa che mi ha colpito maggiormente di The Florence Experiment è che è interattiva e coinvolge completamente i visitatori. Ogni giorno vengono sorteggiati fra il pubblico dei fortunati che scivoleranno dall’istallazione portando con sé una “baby-piantina” di fagiolo. Una volta scesi dallo scivolo, la piantina andrà consegnata in Strozzina ad alcuni scienziati per studiarne i parametri fotosintetici e le molecole emesse come reazione alla discesa e alla vicinanza a una persona sottoposta alla stessa esperienza. 

Devi sapere che le piante hanno una propria intelligenza ed è proprio questo tema la parte centrale della mostra.

La seconda parte dell’esperimento, consiste invece nel far entrare il pubblico in due sale: in una sono proiettati film comici, nell’altra film horror. Le emozioni dei visitatori produrranno composti chimici volatili differenti che, tramite dei condotti d’aspirazione, saranno trasportati sulla facciata del palazzo ed influenzeranno la crescita dei glicini fatti rampicare a forma di “Y”. 

Insomma, una figata. Se passi per Firenze, #FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0