Tempo di lettura: 1 Minuti

I docenti universitari con il doppio lavoro: il caso

I docenti universitari con il doppio lavoro: il caso

411 docenti sono sotto accusa agli occhi della Finanza. Il problema è il doppio stipendio di molti titolari di cattedra, che si rifanno all’occupazion




Alternanza scuola-lavoro e caos burocratico
smartDONOR, ecco l’app per i donatori del sangue e non by MOODìka!
devAcademy: creare un’app non è mai stato così facile

411 docenti sono sotto accusa agli occhi della Finanza. Il problema è il doppio stipendio di molti titolari di cattedra, che si rifanno all’occupazione base. C’è un problema o no?

I numeri sui docenti messi sotto accusa dalla Guardia di Finanza sono notevoli. 172 professori hanno già ricevuto una richiesta di risarcimento per 42 milioni, con i maggiori casi in Lombardia, Campania e Lazio. Molte di queste segnalazioni sono arrivate alla Corte dei Conti, ma tanti professori si sono appellati alla Legge Gelmini, che come ricordato da Roberto Voza, direttore del dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Bari: “La legge Gelmini consente alcune attività ma non consulenze abituali e sistematiche.”

Il tema è molto delicato. Cercare di capire come si debba operare di fronte a docenti su due fronti professionali.
Questi casi si sono rivelati molteplici, una somma complessiva di 411 elementi, non pochi tenendo il conto del peso degli stessi nel mondo universitario. Di questi abbiamo anche 14 casi di illeciti penalmente rilevanti, in cui è coinvolto addirittura il rettore di una facoltà lombarda.

L’inchiesta attraversa l’Italia trasversalmente, da nord a sud passando per le regioni del centro, tutte le università espongono in maniera matematica un buon numero di professori coinvolti nel caso.
Ma i docenti hanno il diritto o meno di ottenere doppio stipendio? Forse la situazione dovrebbe portare a una presa di coscienza degli stessi, in cui una professione adeguata, capace di portare un reddito individuale adeguato, porterebbe al professore di richiedere solo un “bonus” insegnamento per l’attività accademica svolta nel corso di ogni anno.

Questo cambierebbe nettamente il sistema, e anche il corpo docenti sarebbe meno messo sotto le luci dei riflettori.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0