Tempo di lettura: 1 Minuti

Lifefaker: il lato malato dei social network

Lifefaker: il lato malato dei social network

Si tratta di un servizio online per l’acquisto di immagini da usare sui social, fingendo che siano proprie.  #FacceCaso. Lifefaker rappresenta la deg

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Fanizzi
Intervista ad un militante di Senso Comune
Scuole allagate in Veneto, studenti verso lo sciopero

Si tratta di un servizio online per l’acquisto di immagini da usare sui social, fingendo che siano proprie.  #FacceCaso.

Lifefaker rappresenta la degenerazione dei social network. Si tratta di un’app che ti permette di vivere una vita fatta di finzioni, per stupire tutti i tuoi amici.

Potrai far finta di abitare in una casa extra lusso, avere una relazione perfetta con un modello e molto altro ancora.

Si tratta di un servizio online per l’acquisto di immagini da usare sui social, fingendo che siano proprie. Perché scaricare un’app che dia l’impressione a chi ci segue che la nostra vita sia fantastica anche se siamo depressi, complessati o infelici. 

“La vita non è perfetta, ma il tuo profilo dovrebbe esserlo”. È la risposta dell’app. 

Per fortuna Lifefaker non esiste, ma è frutto dell’immaginazione di una campagna di sensibilizzazione sul rapporto fra social network e salute mentale.

Lo scopo dell’app è mettere in luce quanto i social network, con le continue notifiche, le foto di viaggi meravigliosi che non ci potremmo mai permettere, le immagini di vita felice di questo o quell’amico, possono essere una fonte d’ansia.

“Da un lato i social media possono essere usati per presentare una falsa immagine della nostra vita, un modo per raccogliere like e farci sentire meglio, dando una spinta alla percezione di quanto valiamo. Dall’altra possono essere usati per giudicare noi stessi e le nostre vite, confrontandoci con gli altri ed abbassando la nostra autostima”. Scrivono gli ideatori della campagna in un post.

Lifefaker è una caricatura di eventi che purtroppo accadono ogni giorno per portare alla luce un disagio che va debellato. L’idea è nata da Sanctus, una startup che si occupa di diffondere messaggi positivi sulla terapia psicologica e il coaching.

“Il nostro scopo è renderci più consapevoli della nostra salute mentale in generale, per diffondere un messaggio chiaro: tutti abbiamo una salute mentale così come ne abbiamo una fisica. Vogliamo che ci si chieda ‘perché?’ prima di postare, o di fare un lungo respiro prima di scorrere un feed. Vogliamo che si usi quel bottone di unfollow, che pensiate ad un detox dai social o che i social media siano usati per presentare la reale immagine della nostra vita, e non quella che desideriamo”. Scrivono da Sanctus.

#Faccecaso. 

Di Francesca Romana Veriani  

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0