Tempo di lettura: 1 Minuti

Caso Nassar, la Michigan University paga un dazio da 500 milioni

Caso Nassar, la Michigan University paga un dazio da 500 milioni

A seguito delle molestie sessuali compiute dal suo ex dipendente Larry Nassar, l'Università del Michigan risarcirà le vittime. Avete presente Larry N

Morte cosciente e virus mortali, torna il TG USA con la sua edizione più…macabra
L’Università Statale di Milano taglia sei milioni di tasse
Seduta di laurea…in slip!

A seguito delle molestie sessuali compiute dal suo ex dipendente Larry Nassar, l’Università del Michigan risarcirà le vittime.

Avete presente Larry Nassar? No? Beh, per chi non lo sapesse si tratta di un uomo (se così si può definire) che fino a un paio di anni fa lavorava come dottore nel Team USA di ginnastica artistica e come osteopata alla Michigan State University.

Perché è così famoso? Semplice, perché nel 2015 Rachel Denhollander, un ex ginnasta statunitense, lo ha accusato di molestie sessuali. Due anni più tardi, sulla scia del movimento #MeToo è toccato ad altre atlete, tra cui anche la medaglia d’oro olimpica Aly Raisman, formulare le stesse accuse.

Accuse che hanno spinto la Michigan University e il Comitato Olimpico Statunitense a sollevare Nassar dai suoi incarichi nell’attesa di un processo che confermasse o eventualmente smentisse le colpe che gli erano state attribuite. E il processo è arrivato; da esso è emerso che Nassar dal 1992 ad oggi ha abusato di oltre 300 ragazze.

Ma non solo, l’FBI ha perquisito la casa dell’ex dottore e vi ha trovato circa 37.000 immagini pedopornografiche. Un’ulteriore aggravante per Nassar che, oltre ad aver ovviamente perso la sua licenza medica, dovrà scontare in carcere una pena che va dai 100 ai 335 anni di reclusione.

Qualunque sarà l’entità precisa della condanna una cosa è comunque certa; non basterà a restituire la purezza a tutte quelle ragazze, alcune anche molto giovani, che sono state “sporcate” da questo individuo. Ma allora cos’altro potrebbe fare lo studio legale delle vittime degli abusi di Nassar?

Beh, tanto per cominciare gli avvocati hanno convinto l’Università del Michigan, coinvolta indirettamente ma inevitabilmente in questo scandalo, a risarcire economicamente le ragazze colpite dagli abusi. L’ateneo statunitense verserà infatti nelle casse delle vittime una cifra vicina ai 500 milioni di dollari (circa 420 milioni di euro).

Insomma, le schifezze di Nassar continuano a costare caro all’università di Ann Arbor. D’altro canto lo scandalo aveva già spinto sia la presidentessa Lou Anna Simmon che il direttore atletico Mark Hollis a rassegnare le rispettive dimissioni.

E ora arriva anche un risarcimento che forse è una punizione troppo severa per l’ateneo e che sicuramente non restituirà alle vittime ciò che Nassar ha tolto loro ma che rappresenta comunque un messaggio chiaro: se ti rendi protagonista di porcherie simili paghi e il conto potrebbe essere assai salato per cui FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0