Tempo di lettura: 1 Minuti

Quanto fa bene la tecnologia alla scuola?

Quanto fa bene la tecnologia alla scuola?

Tecnologia e digitale sono davvero la rovina della scuola? Sembra proprio di no. Critichiamo sempre qualsiasi tipo di tecnologia se affiancata al mon

Docente si infatua di una studentessa e le chiede si sposarlo
Squid: impara l’inglese informandoti
Contratto per istruzione e ricerca, prima firma

Tecnologia e digitale sono davvero la rovina della scuola? Sembra proprio di no.

Critichiamo sempre qualsiasi tipo di tecnologia se affiancata al mondo della scuola, ma davvero ai ragazzi non è utile il supporto tecnologico per imparare? Davvero si deve rimanere attaccati alla concezione tradizionale della scuola e non si dovrebbe seguire l’innovazione di cui tutti i ragazzi sono veri e propri Master? Io non direi.

Statisticamente, per esempio, i ragazzi che usano i supporti digitali e i programmi di scrittura fanno molti meno errori ortografici e allo stesso modo aumenta la velocità nella scrittura e nella lettura. Questo, però, solo se supportati da un insegnante competente, che sappia veicolare la capacità digitale dei ragazzi all’interno dell’apprendimento.

Il ruolo del professore, diventa quindi fondamentale. Fondamentale per evitare che i ragazzi abusino della tecnologia e per insegnare i fondamenti del comportamento corretto sul web. La vita online è qualcosa di veloce e sempre a portata di mano, quindi perché escluderla dalla vita didattica?

Vietare lo smartphone non fa che aumentarne l’uso, bisognerebbe educare al digitale piuttosto che demonizzarlo. L’apprendimento dei ragazzi migliora notevolmente se si guarda a coloro che studiano in maniera tecnologica, non ci sono differenze tra coloro che lo usano e coloro che non lo fanno in materia di lettura. Ce ne sono, invece, dal punto di vista della memoria audio-visiva e dell’intelligenza fluida. Anche gli stessi videogiochi, se usati in modo moderato, insegnano ai ragazzi il riflesso e la previsione dei comportamenti, oltre ad una notevole diminuzione dell’ansia.

Ovviamente parliamo di una tecnologia controllata, cercando di ridurne l’uso o comunque di educare i ragazzi all’utilizzo consapevole. Ma è uno strumento che sanno usare bene, perché non usarlo come si deve?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0