Tempo di lettura: 3 Minuti

Gallipoli, l’assenza dà e l’assenza toglie…anzi no

Gallipoli, l’assenza dà e l’assenza toglie…anzi no

Un dodicenne di Gallipoli è stato bocciato per aver fatto un uso improprio dell'assenza strategica. Decisione giusta, peccato che il TAR... Ad ognuno

Vacanze di Natale. Fine primo tempo per l’anno scolastico
Situazione scuole italiane: parlano i Presidi e la verità fa male
In Inghilterra vogliono vacanze scolastiche “libere”

Un dodicenne di Gallipoli è stato bocciato per aver fatto un uso improprio dell’assenza strategica. Decisione giusta, peccato che il TAR…

Ad ognuno di noi, almeno una volta nella vita, è capitato di marinare la scuola per evitare compiti in classe impossibili o interrogazioni a tappeto. C’è chi lo fa una volta all’anno, chi due e poi c’è anche chi ha fa dell’assenza strategica il proprio stile di vita.

Ma bisogna stare attenti perché le assenze che uno studente ha a disposizione non sono infinite e se si esagera la bocciatura che si vorrebbe scongiurare finisce per arrivare comunque. Ed è quello che è successo ad un dodicenne di Gallipoli che lo scorso anno non è stato ammesso alla terza media perché aveva accumulato ben 335 ore di assenza, superando il limite imposto dalla legge.

Niente gravi malattia o visite improrogabili però, il motivo per il quale il ragazzo spesso non si presentava in classe era la severità dei suoi insegnanti, da lui ritenuta eccessiva. Assurdo direte voi ma non avete ancora letto la parte migliore.

Sì, perché i genitori dello studente non si sono rassegnati di fronte alla scioccante bocciatura del figlio; anzi hanno addirittura deciso di fare ricorso al TAR di Lecce. E con quale accusa (o meglio, scusa)? Beh, ovviamente quella già usata dal figlio: la smisurata severità della scuola.

E indovinate un po’, il TAR ha dato loro ragione. Già, avete capito bene, il tribunale regionale ha ritenuto la bocciatura un provvedimento troppo severo (tutto severo in questa scuola) e ha condannato sia il MIUR che l’istituto scolastico “colpevole” a pagare l’importo delle spese processuali di cui si era fatto carico la famiglia del ragazzo: 4.000 euro.

Ora, non so voi ma personalmente se fossi stato bocciato per colpa delle assenze ingiustificate mi sarei andato a nascondere e se i miei mi avessero trovato probabilmente non sarebbero stati così clementi come lo sono stati i genitori di questo soggetto. Ma si sa, ultimamente va di moda difendere i propri figli qualsiasi cosa facciano quindi in fondo di che ci stupiamo?

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0