Tempo di lettura: 1 Minuti

Tvboy colpisce ancora! Lo street artist italiano più discusso nella urban pop art

Tvboy colpisce ancora! Lo street artist italiano più discusso nella urban pop art

Scopriamo chi è l'artista palermitano Salvatore Benintende, in arte Tvboy, che da Barcellona è tornato con successo in Italia. Siciliano DOC ma trapi

Scuola senza materie? Forse si può!
Il MIUR alza il numero di assunzioni di docenti nei prossimi 10 anni da 76 a 80 mila
Un master universitario sull’accoglienza e l’immigrazione

Scopriamo chi è l’artista palermitano Salvatore Benintende, in arte Tvboy, che da Barcellona è tornato con successo in Italia.

Siciliano DOC ma trapiantato a Barcellona. Tvboy, 37 anni, colpisce i muri d’Italia, e in particolare, ieri, i muri di Firenze ritraendo Renzi con in mano il cartello ‘cercasi futuro’.

Ma indietreggiamo un po’. Il nome d’arte parla da sé, i riferimenti dei suoi poster sono da cercare infatti nei bombardamenti televisivi dagli anni 80′ a oggi, nei videogioca e nei fumetti. Con estremo sarcasmo e satira rappresenta icone contempranee in estrema contrapposizione e contesti differenti: dal Papa travestito da Superman all’accoppiata Trump Berlusconi, il primo nelle vesti di Batman e il secondo in quelle di Robin.

Nonostante possa sembrare un artista molto politico, lui non si definisce tale. Piuttosto, come artista vuole smuovere le conscienze altrui. Non vuole vincoli e non vuole fare della sua arte soltanto una critica politica. E’ ovvio che di un personaggio come Trump non si possa far a meno di parlarne ed è vero anche che l’obbligo di un artista contemporaneo è di ragionare e far ragionare soprattutto sul presente.

Attraverso l’ironia, senza dubbio, Tvboy ha provocato molte discussioni e ha fatto parlare del momento storico in cui viviamo. Ogni opera diventa simbolo di quest’epoca e lascia un segno nella storia: il bacio tra Salvini e Di Maio ad esempio, emblema del momento storico e politico che l’Italia sta attraversando.

La street art, in particolare, fa parlare. Non ha limiti sociali, di ceto o culturali. Tutti la vedono, tutti la capiscono, tutti ne parlano. La strada è democratica e raggiunge tutti. Ed è anche vero che chiunque è libero di cancellarla e distruggerla, ma per questo per fortuna ci sono i mitici social che non ci faranno scordare mai Salvini nelle vesti di un volontario di Medici senza Frontiere.

Scopritelo qua http://www.tvboy.it/

#FacceCaso.

Di Margherita Issori 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0