Tempo di lettura: 3 Minuti

“Adotta un Ragazzo” spostati, a Trento arriva Adotta uno Studente

“Adotta un Ragazzo” spostati, a Trento arriva Adotta uno Studente

Adotta uno Studente è l'ultima, splendida pensata dell'Università di Trento per sostenere economicamente gli studi dei richiedenti asilo. “Adotta un

Fuoricorso? Potresti pagare più tasse
Non è un’università per donne
Concorso per insegnanti 2017. Le prove sono molto simili a quelle dell’anno scorso

Adotta uno Studente è l’ultima, splendida pensata dell’Università di Trento per sostenere economicamente gli studi dei richiedenti asilo.

“Adotta un Cane”, “Adotta un Figlio”, “Adotta un Ragazzo” e adesso arriva anche Adotta uno Studente. Si, avete capito bene, da oggi sarà possibile sostenere economicamente, attraverso donazioni di varia entità, gli studi di alcuni allievi universitari.

Quest’idea a dir poco geniale è venuta all’Università di Trento e rientrerà in un più vasto protocollo d’intesa tra l’ateneo trentino e la Provincia autonoma di Trento. Ma entriamo nel dettaglio e scopriamo quali sono gli studenti che beneficeranno di questa particolare iniziativa.

La campagna Adotta uno Studente, infatti, nasce soprattutto per tutelare i richiedenti asilo in Trentino che avranno così la possibilità di intraprendere o di continuare i propri studi. Motivo per cui i fortunati che riceveranno le donazioni saranno selezionati dal Centro Informativo Provinciale per l’immigrazione.

Per il momento sono solamente 5 gli studenti che avranno la possibilità di beneficiare dei fondi raccolti ma altri 7 sono già stati inseriti nel progetto e siamo solamente all’inizio. L’obbiettivo è assicurare a più ragazzi possibile la tranquillità economica necessaria per studiare serenamente.

Molti di loro, infatti, sono per ora costretti ad affiancare allo studio un impegno lavorativo più o meno faticoso che pregiudica inevitabilmente il rendimento. Un concetto che è stato ribadito anche dalla prorettrice alle politiche di equità e diversità dell’università trentina Barbara Poggio.

Quest’ultima, come si evince dall’articolo di ladige.it del 19/06/2018, ha infatti evidenziato che “alcuni studenti hanno provato a svolgere attività lavorative al di fuori dell’ateneo ma ciò ha compromesso, in alcuni casi in maniera irreparabile, i loro studi”.

Dunque Adotta uno Studente potrebbe essere la soluzione ideale ai problemi della maggior parte di questi ragazzi. D’altronde se possiamo sostenere la ricerca con il crowdfunding, perché non sosteniamo anche il futuro di questi studenti? Se lo meritano.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0