Tempo di lettura: 1 Minuti

Frolla: molto più di un semplice biscotto

Frolla: molto più di un semplice biscotto

Il lavoro sociale come scelta di vita, aiutare il prossimo come obbiettivo. Scopriamo insieme cosa è Frolla. Che cosa ti viene in mente se ti dico la

Problemi a scuola per molti disabili, una storia che non ci piace
Disabilità invisibile: il progetto SPIN
Tanzania, la storia di Prisca e della scuola del coraggio

Il lavoro sociale come scelta di vita, aiutare il prossimo come obbiettivo. Scopriamo insieme cosa è Frolla.

Che cosa ti viene in mente se ti dico la parola “Biscotto”?
Io sono combattuta tra la colazione d’inverno alle 6,50 quando ti svegli e le Gocciole nel caffellatte ti danno un in bocca la lupo per il compito di storia o alle sere d’inverno quando sei un po’ cullato dalla tristezza per qualche motivo e un pacco di biscotti ti consola.

Ecco a me vengono in mente queste cose che non sono molto produttive, al contrario di quello che è venuto in mente a Jacopo Corona e Gianluca Di Lorenzo che hanno creato posti di lavoro per ragazzi che altrimenti non avrebbero avuto la possibilità di essere indipendenti e di creare qualcosa, siamo ad Osimo, in provincia di Ancona.

La loro idea ha un nome, si chiama “Frolla”: un biscottificio artigianale che coinvolge ragazzi disabili creando prodotti a chilometro zero. I fondi per partire sono stati ottenuti in parte dal comune poichè il progetto è stato inserito in “The Hive” un programma per aiutare Start-Up e grazie ad una campagna creata attraverso Eppela che ha raggiunto grandissimi risultati, infine il laboratorio è stato donato all’azienda da un negozio locale, questo fa capire quanto tutti i cittadini di Osimo siano vicini e contribuiscano al progetto.

Insomma una piccola azienda destinata solo a crescere che ha tantissimi lati positivi tra cui quello che il prodotto creato è veramente a chilometro zero perchè realizzato con farine locali ed un principio importante ovvero che gli stessi fondatori sono convinti di dover creare un prodotto la cui forza sia la qualità le persone devono acquistarlo perchè è buono ed è sano (molto più delle Gocciole) e non perchè è fatto da ragazzi disabili.

Quindi, #Faccecaso

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0