Figli e genitori, quando il ringraziamento fa il giro del mondo

Figli e genitori, quando il ringraziamento fa il giro del mondo

Spesso non sappiamo come ringraziare i genitori che ci sostengono economicamente e non solo nei nostri studi. Questi 3 ragazzi, però, ci sono riusciti

Giustizia fatta all’Università di Chieti: interdetti rettore e direttore generale
In Puglia c’è ancora chi aspetta la borsa di studio
Competenze a portata di test: la sfida di ANVUR agli universitari Italiani

Spesso non sappiamo come ringraziare i genitori che ci sostengono economicamente e non solo nei nostri studi. Questi 3 ragazzi, però, ci sono riusciti eccome.

Per i nostri genitori, si sa, noi figli siamo “piezz ‘e core” ed è per questo che fanno di tutto per renderci felici, anche a prezzo di enormi sacrifici. Ci nutrono, ci educano ma soprattutto cercano di darci un futuro consentendoci di studiare.

Insomma, bisognerebbe solamente ringraziarli per tutto ciò che fanno per noi. Il problema è che non è semplice; non è semplice trovare il modo giusto per ringraziare delle persone che hanno dedicato a noi una fetta non indifferente della loro vita.

Eppure c’è chi ce l’ha fatta. I tre ragazzi di cui vi parleremo oggi, infatti, sono riusciti a ringraziare in maniera umile i propri genitori, che li avevano sostenuti, economicamente e non solo, nei loro studi e per questo si sono guadagnati tutto il nostro rispetto e tutta la nostra ammirazione.

Un ringraziamento grosso come una casa…in costruzione

Delle tre che vi stiamo per raccontare questa è sicuramente la storia più recente. La protagonista è una giovane ragazza paraguaiana, Yudith Romero, che subito dopo aver conseguito la sua laurea in Scienze dell’Educazione è corsa ad abbracciare il padre operaio, che stava lavorando in un cantiere e che aveva fatto di tutto affinché sua figlia raggiungesse quel traguardo. Che dire, commovente.

Un ringraziamento colmo di orgoglio

La seconda storia risale al 2013 e ha per protagonista uno studente thailandese di cui non si conosce il nome. Dopo aver conseguito con ottimi voti la sua laurea all’Università del nord della Thailandia, il ragazzo, piangendo, ha ringraziato pubblicamente il padre contadino (che aveva raggiunto la cerimonia scalzo), definendolo “il più grande orgoglio della sua vita”. Semplicemente น่ารัก.

Un ringraziamento divertente

Il video del suo discorso di laurea è finito in rete ed è subito diventato virale, raggiungendo in poco tempo oltre 200 milioni di visualizzazioni. Stiamo parlando di Carlo Dragonetti, studente italiano laureatosi recentemente a Shanghai. Nel suo discorso Carlo ha ringraziato i suoi genitori in cinese e nel farlo ha dato sfogo a tutta la sua ironia, suscitando ilarità tra i presenti. PSY chi?

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0