Tempo di lettura: 2 Minuti

Emergenza selfie, per l’India sono quasi peggio dell’olio di palma

Emergenza selfie, per l’India sono quasi peggio dell’olio di palma

Il selfie è diventato il pane quotidiano delle nostre vite. Ormai ne siamo diventati quasi dipendenti e la dipendenza è pericolosa. In India l'hanno c

Volare con Google Flights
Talents Venture X FacceCaso: l’importanza delle soft skills
Università di Brescia e manifattura 4.0

Il selfie è diventato il pane quotidiano delle nostre vite. Ormai ne siamo diventati quasi dipendenti e la dipendenza è pericolosa. In India l’hanno capito…

Semplice, virale, pericoloso. Nel giro di pochi anni il selfie è diventato il pane quotidiano della generazione nativo-digitale di cui facciamo parte. Oltre ad essere estremamente pratici, infatti, gli autoscatti sono la nostra carta d’identità: dicono chi siamo, dove siamo e cosa stiamo facendo.

Insomma, il selfie ci permette di esporre la nostra vita al pubblico con un semplice click. E forse è per questo che ultimamente è diventato anche qualcosa di estremamente pericoloso. Dite che stiamo esagerando? Può darsi ma c’è qualcuno che non la pensa come voi.

Stiamo parlando del governo di Goa, uno dei 29 stati federati che fanno parte dell’India. Qui il selfie è stato addirittura proibito in 24 zone. Quest’incredibile decisione è stata presa dopo che due turisti sono morti cercando di autofotografarsi mentre scalavano una scogliera.

Non è la prima volta che accade un episodio del genere. In passato, infatti, c’è anche chi si è fatto divorare vivo da un orso nel tentativo di scattare un selfie “speciale”. E’ vero che si tratta di casi isolati e assolutamente tragicomici ma il fenomeno non è assolutamente da sottovalutare.

D’altro canto ultimamente sembra che le persone siano disposte a tutto pur di vivere il cosiddetto quarto d’ora di celebrità. La nostra vita sembra valere meno del numero di like che riceveremo sotto le foto che postiamo e questo è assolutamente preoccupante, per non dire drammatico.

E allora meglio correre ai ripari prima che qualcun altro si faccia del male. Il governo di Goa ci ha già pensato e per eliminare il problema selfie ha scelto il divieto sotto forma di cartelli. E l’Italia? Beh, per fortuna finora episodi come quelli accaduti in India qui non si sono verificati ma siamo sicuri che gli autoscatti non siano comunque una rogna?

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0