Tempo di lettura: 2 Minuti

Ruspadana : l’app razzista e schiaccia migranti

Ruspadana : l’app razzista e schiaccia migranti

Immagina una cosa tipo Super Mario dove si poteva vedere un paesaggio alpino pixellato percorso da una ruspa.  #FacceCaso. Si respira clima di razzis

Olimpiadi Europee di Matematica, a Firenze le finali femminili
Mondo Insieme ti apre le porte per studiare in America
Esperienza Interrail? Provaci partecipando a questo concorso!

Immagina una cosa tipo Super Mario dove si poteva vedere un paesaggio alpino pixellato percorso da una ruspa.  #FacceCaso.

Si respira clima di razzismo, non serve che te lo dica io. Poi se ci si mette anche un’applicazione a peggiorare le cose, forse è il caso di darsi una regolata. Come se non fossero bastate le dichiarazioni contro i migranti e l’odio contro i ministri del nuovo governo, qualche giorno fa sull’appstore è comparsa l’applicazione Ruspadana che già dal nome è tutto un programma.

Si tratta di un “gioco”, se così si puo’ dire, interamente ispirato dalle continue invocazioni alla “ruspa” fatte da Matteo Salvini negli ultimi anni. L’app probabilmente è stata segnalata e adesso non è più disponibile. Immagina una cosa tipo Super Mario dove si poteva vedere un paesaggio alpino pixellato percorso da una ruspa. Per fare punti dovevi “schiacciare” degli omini di colore e in questo modo “salvare la patria” dall’invasione di extracomunitari.

La applicazione è stata ideata da Matteo Barni, Giampiero Salemme e Marco Romano, tre sviluppatori per iOS dei quali non si sa molto. La Stampa spiega : “Cercando online i nomi di Barni e Salemme compaiono due profili Linkedin che riportano esperienze presso la Apple Academy. Barni avrebbe anche vinto una borsa di studio alla World Wide Developer Conference di Cupertino”. 

La app è stata rimossa dallo store, ma nel frattempo i suoi creatori hanno provato a giustificare la loro caduta di stile. “L’intenzione era di sottolineare le storture degli episodi marittimi di questo ultimo periodo sottolineando un comportamento sbagliato e deplorevole. Forse non ci sono riuscito, ma l’intenzione era opposta a quella che molti stanno condannando”. Ha spiegato Barni.

Ma dove andremo a finire?

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0